Resistenza Arcobaleno: la lotta de* attivist* LGBTQ in Polonia contro la repressione post-elettorali

💄Update: A Varsavia, Margo, leader del gruppo di attivist* LGBT Stop Bzdurom, è stata arrestata e condannata a 2 mesi. È stata organizzata una manifestazione spontanea, severamente repressa dalla polizia violenta. Decine di manifestanti sono stati arrestati (circa 40).

Qui un resoconto (ENG) dettagliato sulla situazione attuale da Critic Atac, ecco la traduzione in italiano:
🌈6 agosto 2020
Resistenza Arcobaleno: la lotta de* attivist* LGBTQ in Polonia contro la repressione post-elettorali
 
Solo un giorno dopo che la Commissione elettorale nazionale polacca ha annunciato il presidente in carica Andrzej Duda come vincitore del ballottaggio, un’attivista #queer è stata arrestata a Varsavia. Secondo i testimoni l’arresto di Margo è sembrato più un rapimento perché agenti di polizia senza uniforme l’hanno ammanettata con l’uso della forza e l’hanno trascinata fuori dall’appartamento della sua amica. Fa parte di un collettivo queer Stop Bzdurom che utilizza l’azione diretta per contrastare la persistente campagna di disinformazione rispetto alla comunità #LGBTQ, all’educazione sessuale e alla giustizia riproduttiva. Negli ultimi anni, l’incitamento all’odio omofobico e transfobico è diventato una risorsa politica standard in un paese che ha ottenuto il vergognoso status di stato più omofobo nell’Unione europea. Le/i/* queer sono diventat* il nemico pubblico numero uno in Polonia.
Mentre l’ungherese Victor Orbán mobilita sentimenti xenofobi contro rifugiati e rom, i conservatori polacchi hanno scommesso sulle minoranze sessuali come perfetto capro espiatorio in tempi di incertezza sociale ed economica. Con le elezioni che si sarebbero svolte nel bel mezzo della pandemia del Covid-19, la campagna presidenziale di Duda era piena di retorica anti-LGBT. Ha promesso che impedirà l’insegnamento delle questioni relative alle persone LGBT nelle scuole e ha messo in guardia contro la cosiddetta “ideologia” LGBT in quanto più distruttiva del comunismo. Le sue stesse dichiarazioni, come “LGBT rappresenta un’ideologia, non un popolo” sono state ampiamente criticate come disumanizzanti. Tuttavia, prese alla lettera, rivelano anche l’alta valenza delle formule semplicistiche offerte dalla mobilitazione diffusa contro l ‘”ideologia gender” amorfa e multifunzionale.
Armando i media pubblici controllati dallo stato per la campagna presidenziale, il partito al potere ha costantemente rappresentato la comunità LGBTQ come una minaccia imminente e straniera verso i valori familiari tradizionali polacchi. Nel frattempo, anche la Chiesa cattolica polacca ha demonizzato la minacciosa “ideologia LGBT” per distogliere l’attenzione dallo scandalo della pedofilia tra i suoi ranghi. Nell’agosto 2018, l’arcivescovo di Cracovia, Marek Jędraszewski, ha pubblicamente denunciato la “peste arcobaleno che affligge il Paese: non marxista, bolscevica, ma nata dallo stesso spirito, neo-marxista. Non rosso, ma arcobaleno.” Il profondo anticomunismo alla base di tali dichiarazioni fatte da funzionari pubblici e rappresentanti della Chiesa cattolica rimane incontrastato nel contesto politico polacco, polarizzato tra le aree liberali e conservatori che condannano univocamente il comunismo come regime totalitario. Prima che Law and Justice salisse al potere, il governo centrista-liberale di Civil Platform si è concentrato sul mantenimento dello status quo per il bene delle riforme neoliberiste, senza preoccuparsi di contestare l’egemonia della Chiesa cattolica, il tradizionalismo familiare, la misoginia, l’omofobia e la transfobia e fornendo un terreno fertile per la radicalizzazione nazionalista. Inoltre, un’agenda anticomunista funge da filo rosso (sic!) che collega vari attori locali e internazionali investiti nella guerra contro “l’ideologia del gender”, un nemico inafferrabile che all’occorrenza si trasforma facilmente in “ideologia LGBT”.
Oltre allo stato #nazionalista e alla Chiesa cattolica, una rete di organizzazioni non governative ultraconservatrici è diventata prominente nell’orchestrare attacchi contro la comunità LGBTQ in Polonia. Le accuse contro Margo sono state presentate dalla Fundacja PRO Prawo do życia (Fondazione PRO per il diritto alla vita), un gruppo attivo nella campagna contro l’aborto. Recentemente, questo ente fondamentalista GONGO (organizzazione non governativa organizzata dal governo) si è reso responsabile della redazione di un disegno di legge intitolato “Stop Pedophilia Act” che proponeva di criminalizzare qualsiasi forma di educazione sessuale (una materia praticamente inesistente nelle scuole polacche). Come parte della loro campagna per raccogliere firme nell’ambito di questo sinistro progetto di legge popolare, che non ha nulla a che fare con la lotta alla pedofilia, la Fondazione ha inviato furgoni coperti di slogan omofobi e armati di altoparlanti. I furgoni percorrono diverse città polacche e diffondono messaggi d’odio e falsi sull’omosessualità. È importante notare che il percorso legale per combattere un caso così ovvio di incitamento all’odio in uno spazio pubblico è stato consumato senza successo . Il 27 giugno, uno di questi “homopho-bus”, come hanno iniziato a chiamarli gli attivisti, si è fermato di fronte allo squat di Varsavia “Syrena”, con la chiara intenzione di disturbare un raduno che si stava svolgendo lì. In risposta a questa provocazione, diversi attivisti hanno prima cercato di scacciarli, e alla fine hanno verniciato a spruzzo l’auto e tagliato le gomme. Dall’arresto di Margo, i membri della Fondazione si riuniscono regolarmente davanti a “Syrena” con i loro striscioni omofobi e rosari per “pregare via i gay”.
La Fondazione PRO è uno dei numerosi gruppi ultraconservatori attivi nella vita pubblica polacca. Inoltre, fa parte di un più ampio movimento fondamentalista religioso transnazionale riunito sotto l’organizzazione ombrello “Tradition, Family and Property” (TFP) che all’inizio degli anni 2000 ha iniziato a trattare l’Europa orientale come una nuova frontiera per costruire una nuova società civile di destra. Una proliferazione di gruppi locali affiliati e think tank sta dietro la campagna contro la Convenzione di Istanbul del Consiglio d’Europa sulla violenza di genere in Ungheria, il referendum del 2013 sulla definizione costituzionale del matrimonio in Croazia, un’iniziativa simile per definire la famiglia come unione tra un un uomo e una donna nella costituzione rumena nel 2013, 2016 e 2018, e bloccando la legge sulle unioni civili in Estonia fino al 2016, tra molti altri esempi.
Nel suo ultimo libro This is War. Women, Fundamentalists and the New Middle-Ages, la giornalista investigativa Klementyna Suchanow rivela le complesse dipendenze economiche e istituzionali che legano le varie organizzazioni di destra e religiose, monitorando la loro crescente influenza politica dal Brasile, attraverso gli Stati Uniti e la Russia, all’Europa. In Polonia uno dei principali attori affiliati al TFP è un “gruppo di esperti” legale, “Ordo Iuris”, che fa parte di Agenda Europe, rete di advocacy europea estremista-cattolica che vuole “ripristinare l’ordine naturale” bloccando o smantellando le infrastrutture politiche sui diritti riproduttivi e sessuali. Ordo Iuris è responsabile della stesura della legislazione per vietare completamente l’aborto, che alla fine è stato ritirato dopo le proteste di massa, e della Convenzione sui diritti della famiglia che dovrebbe essere un’alternativa alla Convenzione di Istanbul del Consiglio d’Europa sulla violenza di genere. Oltre alle campagne legislative e alle pressioni politiche, rappresentano anche individui e gruppi come la Fondazione PRO durante i processi, fornendo supporto legale agli estremisti religiosi per testare in sicurezza i limiti delle libertà democratiche. Una delle loro strategie è quella di appropriarsi del discorso sui diritti umani e mascherare obiettivi omofobici e transfobici con il pretesto di politiche a favore della famiglia. In questo spirito è stata presentata la “Carta dei diritti della famiglia” è stata presentata ai governi locali alla fine del 2019 come modello meno controverso per dichiararsi “LGBT-free zones” (zone libere da LGBT) dopo l’ondata di risoluzioni anti-LGBT avviate dai consiglieri di Law and Justice nel marzo dello stesso anno.
Con la più alta affluenza elettorale dal 1995 al 68,18%, le elezioni con ballottaggio hanno lasciato il paese polarizzato. La notte delle elezioni Duda ha fatto un maldestro tentativo di calmare le emozioni distruttive che aveva mobilitato durante la sua campagna. Si è scusato con coloro che si sono sentiti offesi dalle sue parole negli ultimi cinque anni della sua presidenza e negli ultimi mesi. Più tardi, quando gli è stato chiesto se si pente dei suoi attacchi contro la comunità LGBTQ, ha risposto che tiene fede alle sue precedenti dichiarazioni. Sebbene questa apparente dichiarazione di cessate il fuoco sia stata letta come un segno di una possibile sospensione della retorica anti-gender all’indomani della vittoria, la campagna d’odio continua. Il 25 luglio il ministro della giustizia, Zbigniew Ziobro ha annunciato che la Polonia si ritira dalla Convenzione di Istanbul perché il documento contiene “elementi di natura ideologica”, riferendosi alla definizione di genere come socialmente costruito. Allo stesso tempo, il suo ministero sta finanziando un progetto di un altro fondamentalista GONGO intitolato “Combattere i crimini contro la libertà di coscienza sotto l’influenza dell’ideologia LGBT”. Pianificato per gli anni 2020-2023, mira a eliminare le “nuove ideologie di sinistra” dallo spazio pubblico polacco utilizzando le disposizioni legali esistenti sull’offesa dei sentimenti religiosi. Questo nuovo progetto è un perfetto esempio di quanto velocemente la rete dei gruppi fondamentalisti religiosi risponde alle azioni artistiche e attiviste e di quanto siano ben collegati alle strutture governative.
 
Sembra che l’arresto di una giovane attivista queer sia stato deliberatamente rinviato dopo i risultati delle elezioni. Grazie all’intervento della Fondazione Helsinki per i diritti umani, Margot è stata rilasciata dopo aver passato la notte in detenzione con l’accusa di teppismo. Il 30 luglio attivist* queer hanno poi orgnaizzato un’azione di issaggio di bandiere arcobaleno e maschere per il viso rosa su diverse statue iconiche attraverso Varsavia come invito ad una maggiore mobilitazione contro la crescente ondata di omofobia e transfobia. Pochi giorni dopo Margot e altr* due attivist* sono stati arrestati in relazione a questa azione. Dalla repressione contro attivist* queer, città e province che si dichiarano libere da “ideologia LGBT”, ripetuti attacchi alle sedi principali delle ONG LGBTQ, ai brutali attacchi contro i cortei dei Pride, compreso un fallito attentato a Lublino l’anno scorso, questa non è mai stata una guerra solo sui simboli. Quando i famigerati “omofobi” annunciano dagli altoparlanti che “gli omosessuali vivono vent’anni in meno”, questo non è nemmeno un altro fatto pseudo-scientifico, ma qualcosa che diventa una triste realtà in un paese dove il tasso di suicidio tra i giovani queer sta aumentando. Nel frattempo, mettere un simbolo di amore e tolleranza sulla statua di Gesù Cristo in via Krakowskie Przedmieście a Varsavia è stato commentato come una “barbarie” ed una “profanazione” dal primo ministro Matuesz Morawiecki, e come una “provocazione inutile” dal presidente dell’opposizione candidato Rafał Trzaskowski. Se da un lato i liberali polacchi condannano le forme più pesanti di omofobia, dall’altro agiscono forme più “leggere” in nome del pluralismo e del dialogo equilibrato e trattando il massiccio attacco alla comunità LGBTQ semplicemente come una falsa pista. In altre parole, l’omofobia e la transfobia permeano entrambi i lati di questa scena politica altamente polarizzata.
Durante la marcia per commemorare la Rivolta di Varsavia organizzata da una coalizione di gruppi fascisti e nazionalisti, ogni traccia del simbolismo LGBTQ è stata rapidamente individuata e distrutta. Tra i numerosi attacchi, i partecipanti hanno tolto una bandiera arcobaleno con l’emblema del Polish Underground State dalla facciata di uno degli edifici e l’hanno bruciata. Nell’Europa orientale la bandiera arcobalenoè diventato uno strumento importante per la resistenza queer, come un modo per dare visibilità alle vite che vengono costantemente attaccate e cancellate. Esistono modi sovversivi di usare questo simbolo negli spazi pubblici, ma anche alcune strategie “mainstream” che flirtano con l’idea di assimilarsi alla maggioranza. Il conflitto in corso attorno alla bandiera arcobaleno mette a nudo i profondi difetti e paradossi della rivendicazione dei simboli religiosi e nazionali per la politica di sinistra. Non si tratta di dimostrare che la Vergine Maria con un’aureola arcobaleno o un emblema nazionale colorato non dovrebbero essere un’offesa, ma piuttosto di trovare modi per fare politica queer senza assimilare il discorso nazionalista-patriottico. Una bandiera nazionale “queer” è ancora un forte simbolo di appartenenza nazionale. La lotta non è uniforme, ma sono urgentemente necessarie nuove strategie e nuove forme di costruzione della coalizione.
 
Recenti notizie in merito alla sospensione delle sovvenzioni dell’Unione europea per sei città polacche a causa delle loro dichiarazioni anti-LGBT potrebbero suggerire che il pagamento del prezzo per pratiche discriminatorie cambierà gli atteggiamenti ostili. Allo stesso tempo, questa punizione si iscrive nel ben collaudato discorso sull”ideologia LGBT, come una minaccia straniera imposta dall’Occidente “degenerato”. Non è chiaro se questo porterà un effetto che fa riflettere o consoliderà la retorica contorta anti-LGBT. I satelliti della TFP descrivono già le istituzioni europee come la fonte dell ‘”ideologia di genere” contrabbandata in trattati come la Convenzione di Istanbul. Con le repressioni della polizia contro gli attivisti che si intensificano rapidamente la solidarietà internazionale con le persone queer in Polonia è estremamente importante. Molto lavoro deve essere fatto sul campo per costruire reti di solidarietà locale con gruppi emarginati, compresi i lavoratori migranti e coloro che sono maggiormente colpiti dalle misure di austerità. Se c’è qualcosa che queste recenti elezioni mostrano molto chiaramente, è che l’attivismo queer e di sinistra deve trovare un modo per andare oltre le aree metropolitane.
***
Marianna Szczygielska è una studiosa di studi di genere e un’attivista femminista-queer. È autrice di un capitolo sulle risposte femministe alle politiche di genere arretrate in Polonia per il libro Gendering Democratic Backsliding in Central and Eastern Europe. A Comparative Agenda (CEU Press, 2019). La ricerca di Marianna si concentra sulle scienze umane ambientali e sugli studi scientifici e tecnologici femministi. Attualmente ha una posizione di post-dottorato presso il Max Planck Institute for the History of Science di Berlino.
This entry was posted in antifascismo, documenti, interventi, articoli di smaschieramenti and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *