Contro ogni sgombero, per l’Autogestione, riapriamo TUTTO

***Sabato 9 settembre concentramento in Piazza dell’Unità alle 14.30***

Lo sgombero di esperienze sociali da tempo attive a Bologna come Làbas e Crash  rappresenta, oltre che un fatto inaccettabile, un atto di vile violenza inflitto a tutta quella parte di città, solidale e accogliente, che ogni giorno lavora per costruire convivenza e reti  di solidarietà praticando l’autogestione.

Come già in altre occasioni, anche oggi vogliamo ribadire che “se toccano uno, toccano tutte”.

Le esperienze sociali autogestite hanno sempre espresso, nella loro diversità, una grande capacità di intervento e di iniziativa autonoma sui territori e sulle loro contraddizioni, che riconosciamo come un valore primario collettivo. All’interno degli spazi autogestiti si
produce una visione nuova della città nel suo insieme, una città profondamente diversa e che resiste alle forze della speculazione e della mercificazione con le forze della critica, della solidarietà, della creatività in tutti gli ambiti della vita sociale. Non possono essere intesi come dei semplici erogatori di servizi a costo zero per supplire alle deficienze del  welfare, secondo il principio oggi tanto decantato della sussidiarietà. E’ per cambiare un mondo eretto sull’ingiustizia, lo sfruttamento, lo scempio della dignità umana, che questi spazi esistono e continuano a lottare per crescere e moltiplicarsi.

La difesa delle esperienze autogestite in questa città non è iniziata,né tanto meno può terminare il 9 settembre. Se davvero vogliamo accumulare la potenza che serve perché si possa determinare quel cambiamento reale che collettivamente vogliamo, dobbiamo coltivare e far crescere l’enorme ricchezza costruita in anni di iniziative solidali e relazioni orizzontali.

Per questo sabato saremo presenti e per dar voce alla molteplicità delle istanze oggi rappresentate nel vasto mosaico delle esperienze autogestite e di conflitto sociale in questa città, alla manifestazione del 9 settembre partiremo alle 14.30 da Piazza dell’Unità.

Per ribadire che l’autogestione non è fine a se stessa ma vuole aprire crepe in una città sempre più vetrina per turisti e sottratta a chi la abita; per denunciare l’irresponsabilità di coloro che pretendono di trattare le pratiche dell’autogestione come un problema di ordine pubblico ma soprattutto per costruire insieme un orizzonte di possibilità in un mondo liberato dallo sfruttamento, dalla sopraffazione e dal pregiudizio razzista.

Comitato per la Promozione e la Tutela delle Esperienze Sociali Autogestite

Posted in General | Leave a comment

Ci riprendiamo tutto lo spazio che ci serve

Ci riprendiamo tutto lo spazio che ci serve. Lo faremo autonomamente, lo faremo collettivamente.

Dalla resistenza di quattro anni fino allo sgombero di Atlantide, abbiamo vissuto forse per primu sulla nostra pelle la vuota retorica della collaborazione e l’inconsistenza politica del comune come interlocutore istituzionale. Assistiamo oggi, dopo lo sgombero di due realtà autogestite, all’ennesimo tentativo di dividere i buoni dai cattivi: Làbas sarebbe buono perché è attraversato dai residenti e dalle famiglie con bambini, meno buono invece Crash, perché laggiù dove è stato relegato dopo infiniti sgomberi, di bambini non ce ne sono. Noi Atlantidee siamo cattive perché non recediamo dalla difesa dell’autonomia transfemministaqueer, ci occupiamo solo del bambin@ Queer che tuttu siamo statu prima di essere educastrate dall’eterosessualità obbligatoria, mentre chi ha fatto la co-progettazione sotto ricatto del PD è portato ad esempio contro tutte le altre realtà.
Noi rifiutiamo di farci dividere, siamo al fianco di tutti i percorsi di autodeterminazione, autogestione e autorganizzazione dal basso, respingiamo ogni ricatto politico, ogni retorica della legalità da parte di un sistema consociativo e clientelare. E sarebbe ora di chiedere come sono stati assegnati spazi in centro, senza bandi e per fare business agli amici degli amici e ai sostenitori politici.
Siamo solidal* con i compagni e le compagne di laboratorio Crash e di Làbas, siamo solidali in ciò che abbiamo in comune con queste esperienze e in ciò che ci divide e ci spinge a confrontarci anche criticamente. Continueremo a costruire percorsi di mutualismo dal basso, di autorganizzazione, come la Consultoria Queer di Bologna, e a porre la domanda: che genere di città, costruita per chi, per quali soggetti e pratiche sociali, si sta immaginando? Chi include e chi respinge ai margini sulle assi di sesso, genere, classe, provenienza, bianchezza e linea del colore utilizzando il decoro e la legalità come strumento regolatore?
Dal nostro posizionamento intersezionale non concederemo nessun uso strumentale, nessun pinkwashing istituzionale dei diritti LGBT o delle nostre soggettività e nessun Pride passerella democratica a chi sostiene i decreti Minniti Orlando, a chi sgombera le esperienze autogestite, a chi governa a sostegno delle logiche neoliberiste e al loro doppio profondamente lista.

Laboratorio Smaschieramenti
Atlantide

Posted in documenti, interventi, articoli di smaschieramenti, General | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Froce, Terrone e Diasporiche Solidali e Incazzatu

Alcuni Pride, ormai, sono feste religiose, che si ripetono regolarmente con la stessa liturgia, per il gusto di stare insieme, ma senza ricordarne neanche le origini; vetrine per grandi e piccoli marchi, carrozzoni depoliticizzati di vecchie associazioni e nuovi avventori. Ma mai avremmo immaginato che proprio nella giornata del Pride dovessimo sopportare le aggressioni e le violenze di chi si attacca ai nostri percorsi politici e poi vuole cancellarci prima come frocie e poi come compagnu.

Come froce, lesbiche, trans* terrone e diasporiche abbiamo scelto di sfilare a Bari, una città dove il Pride non è un rito e la visibilità frocia è ancora una sfida, resa più dura dalle strumentalizzazioni dell’amministrazione comunale e dall’associazionismo mainstream che fanno del decoro e della rispettabilità una loro bandiera. Abbiamo significato politicamente il nostro orizzonte terrone, non come luogo dell’arretratezza, ma come luogo di resistenza al desiderio di normalità della comunità LGBT, al razzismo al decoro, ma anche a nuovi ideali normativi queer. Ma c’è uno specifico che riguarda una città che non è abituata ai pride, rendendola per noi terrone un una piazza significativa da attraversare con le nostre parole e le nostre lotte.

Già durante il corteo abbiamo subito cori che non ci appartengono, slogan che ci offendono, episodi di machismo di cui avremmo dovuto ridiscutere, episodi che abbiamo vissuto come tentativi di invisibilizzazione da parte di chi scende in piazza con noi, ma non ci riconosce come soggetto politico e non comprende che il Pride è uno dei momenti della nostra lotta. Il nostro spezzone non era la somma di percosi politici diversi, ma era espressione della nostra intersezionalità: contro la mercificazione dei pride, l’assimilazione nel capitalismo, contro il razzismo e la normatività della comunità mainstream, contro i confini ed il decoro. Questa è la pratica del transfemminismo queer e non riconoscerlo è solo l’inizio del disconoscimento e delle aggressioni che abbiamo subito; e lo condividiamo senza alcun desiderio vittimista, ma proprio perchè siamo soggetti politici autonomi e resistenti.

È stato quanto è accaduto alla festa la sera stessa a riempirci di rabbia ed obbligarci a un’urgente presa di parola pubblica. Il BPM -Bari Pride Movement, rete cittadina eterogena, composta da soggettività lesbiche e froce e da singolarità e collettivi anticapitalisti, antifascisti, antiproibizionisti- ha rinunciato ad una propria festa, un momento politico di socialità alternativa (che spesso serve anche a rientrare con i costi delle spese affrontate). Ha dovuto rinunciare a malincuore non riconoscendo in città uno spazio sociale, pubblico, gestibile, ma sopratttuto safe per chi vuole sperimentarsi in altre socialità fuori dalla norma, dal machismo e dal mercato. Appena giuntu, prima ancora che potessimo capire a che tipo di evento fossimo, se ci piacesse, se volessimo cambiare qualcosa, ci è stato tolto il tempo, lo spazio e la parola e abbiamo cominciato a subire le prime aggressioni. In quella giornata e in tutti i mesi che l’hanno preceduta ci abbiamo messo la faccia, e proprio per questo siamo subito statu identificatu come i nemici: noi le frocie, noi le femministe, noi, lu compagnu.

Queste aggressioni sono state agite da uomini e donne, persone che abbiamo conosciuto in uno spazio sociale della città e riconoscibili soprattutto come antifasciste. E anche su questo sarebbe opportuno aprire una riflessione.

Il livello dell’aggressione è stato immediatamente altissimo: insulti, minacce, violenze fisiche gravissime, ai danni anche del dj. Mentre ancora cercavamo di lasciare immediatamente un luogo che metteva in pericolo noi e tutte le frocie venute ad una festa frocia nella giornata della lotta frocia, mentre cercavamo di ritirarci senza lasciare nussunu dietro, la struttura militante/militare accorreva a sostegno dei e delle aggressori, per metterci più pressione, farci sentire meno sicuru e festeggiare finalmente la nostra cacciata. Non stiamo qui a recuperare i dettagli di una sera che sempre più assomiglia ad un incubo, ma c’è un momento in particolare che ci preme denunciare ed analizzare per la sua gravità.

Qualcunu di noi era ancora dentro a controllare che nessunu fosse rimastu in pericolo e a scortare una compagna, quando è arrivata la polizia. A quel punto abbiamo cercato di raggiungere l’uscita per non trovarci a doverci difendere in un luogo che già si era mostrato pericoloso per noi. Giuntu al cancello non ci è stato permesso di guadagnare l’uscita: «Avete voluto la festa, adesso vi fate identificare con noi!» e ci è stato sbattuto in faccia. Siamo statu strattonatu, spintonatu, insultato, ci è stata ripetutamente messa la mano davanti alla bocca. La situazione era terrorizzante, le persone in quello spazio minacciavano la nostra incolumità a tal punto che appena si è aperta una breccia ci siamo lanciatu fuori, senza alcuna speranza che fuori potesse essere più sicuro per noi. Chi come noi ha sedimmentato nella propria storia di militante, o direttamente sul proprio corpo, la violenza della polizia, può comprendere bene quanto avessimo temuto per la nostra inclumità all’interno. Intanto fuori rimbombavano i colpi dei manganelli su quello stesso cancello di ferro.

Questa immagine così violenta, purtroppo, per noi non è stata solo una metafora, eppure rappresenta molto bene la violenza con cui i compagni e le compagne con tutti i privilegi etero, cis, ci tappano la bocca, ci rubano le parole, mentre noi davanti affrontiamo la violenza dello Stato, della società, della medicina, del capitalismo… I nostri corpi fuori norma, le oppressioni specifiche che subiamo, spesso multiple e intrecciate, ci rendono vulnerabili, per questo costruiamo spazi sicuri e coraggiosi; allo stesso tempo ci rendono resistenti, perchè lottiamo ogni giorno contro il sessismo nella società, ma anche nei movimenti politici che attraversiamo. E questo dobbiamo metterlo in chiaro per ribadire sin da subito che il paternalismo è l’altro volto del machismo!

I nostri posizionamenti, il nostro essere compagne e compagnu froce, lesbiche, queer, non binari, non è stato solo zittito ma totalmente invisibilizzato. Abbiamo attraversato le strade contro il decoro, rivendicandoci di fare schifo, di essere oscenu e indecorose, ma la nostra insubordinazione verso il decoro, l’assimilazione e lo sfruttamento, non ha mai previsto nè mai prevederà di sacrificare la lotta al sessismo, all’ omotransfobia, alle pratiche machiste, anche del movimento! Siamo scesu in piazza ricordando a gran voce che quello che ci opprime non è solo la retorica antidegrado che mette ancora più ai margini chi già lo è, ma anche il sistema patriarcale e eteronormato che si manifesta in ogni episodio di violenza di genere e del sistema dei generi!

Siamo state messe da parte come una reliquia il giorno dopo la sua ricorrenza; il culmine dell’assurdo era che queste minacce erano pronunciate utilizzando tutte le parole che con una faticosissima pedagogia avevamo portato in questo percorso cittadino: sessismo, omofobia, anticapitalismo queer e pink washing. Non staremo qui a mostrare le spillette militanza collezionate come singolu compagnu e come movimento transfemminsita queer; la pratica machista di “a-chi-ce-l’-ha-più-lungo” ci fa schifo, non dobbiamo giustificare la nostra presenza, dimostrare la nostra militanza, legittimare la nostra storia a chi, credendosi Compagno (maiuscolo), non riconosce nessun altru soggetto politico, nessuna altra lotta, nessuna altra pratica. La nostra radicalità l’avevamo appena portata in piazza poche ore prima.

Non solo metaforicamente hanno provato a tapparci la bocca,ma anche se ci metteremo del tempo ad elaborare questo trauma, sin da subito non staremo zittu; continuiamo ad elaborare quanto è accaduto con le compagne di Bari, a riflettere sulle pratiche, a cospirare insieme a chi su quel territorio continuerà a lottare e a tessere reti di resistenza e autonomia transfemministaqueer. Già il nostro striscione parlava chiaro “Veniteci dietro”; invece hanno voluto anche lo striscione, mettersi davanti, ma senza stapparsi il buco del culo e buttare fuori tutta la merda machista di cui hanno piena la pancia. Perchè noi non ascriviamo ciò che è accaduto al comportamento dei singoli e delle singole, reputiamo che sia una questione di pratiche che trovano tetto e nutrimento in molti spazi occupati che credono di essere liberati, senza riconoscere i propri privilegi,senza mettere in discussione delle pratiche che continuano a guardare alla maschilità egemonica come l’unico modello per contrastare quello attuale. Il tempo della pedagogia è finito, la merda sessista non deve avere più agibilità politica nel movimento.

Laboratoria Transfemminista Transpecie Terrona Napoli

Laboratorio Smaschieramenti

… insieme a:
Transfemministe Queer Bari: link al documento sul Pride

good night macho pride

Posted in documenti, interventi, articoli di smaschieramenti | Tagged , , , , , , | Leave a comment

“Houston, we’ve had a problem…” – SEGUI L’UNICORNO @ BOLOGNAPRIDE

 “Houston, we’ve had a problem…”

Bologna, abbiamo un problema

Spezzone trans* transfemminista queer al corteo del Bologna Pride

Sabato 1 luglio, piazza dei Martiri, ore 15.00

SEGUI L’UNICORNO!

L’astronauta del Bologna Pride ci osserva: non sappiamo chi si nasconda sotto il suo scafandro, ma sappiamo che non si è spogliato dal privilegio della protezione e della forza, né delle retoriche coloniali della conquista e dell’annessione di nuovi territori inesplorati. L’astronauta ci parla: scimmiotta la nostra lingua, parla di spazi, autogestione, unicorni, ma non capisce il nostro accento marcato. Pare disorientato, con la sua bandierina rainbow e sopra le due torri, mandato a mettere al bando ogni popolazione aliena e a territorializzare il simbolo svuotato delle lotte frocetrans. Forse ha già capito che il satellite dell’amore continua a girare e forma un’ellissi troppo eccentrica per il suo casco sferico, che solo seguendo l’unicorno ci si potrà addentrare in questa space oddity!

Abbiamo molti problemi, Houston. L’ultimo, solo mercoledì sera, proprio nei giorni in cui il governo della città ha confessato di non avere la più pallida idea di cosa farsene del Cassero. Quello di Porta Santo Stefano, obviously, sgomberato il 9 ottobre 2015 e restituito alla polvere dopo 17 anni di Atlantide.

Di quel vuoto, ha lasciato che si approfittassero quaranta fascisti. Protetti da un cordone di polizia che aveva appena menato i compagn* di Labas, sullo sfondo del muro voluto dal Re Murala per mettere a bando transfemministe queer e punks, hanno intonato “boia chi molla” e altre amenità a mano tesa, rivolgendosi contro compagne e compagni del Berneri. La perfetta rappresentazione plastica dell’unico rilevante risultato politico e sociale che la gestione degli spazi di proprietà pubblica di questa nuova vecchia giunta, che ha anche il coraggio di definirsi “femminista”, è riuscita ad ottenere: via le femministe le froce e i punks e spazio ai fascisti! Che orgoglio.

Ma noi siamo aliene e preferiamo seguire l’unicorno.

Ma l’unicorno dov’è?

Scalpita nell’orgoglio di froce, lelle e trans*, di soggettività eccentriche e precarie; nell’impossibilità di lasciarsi assorbire in modelli di vita e logiche di potere costruite per reprimerci, nella costruzione e difesa di spazi di autodeterminazione, dove poter esprimere e tra(n)sformare i nostri desideri, i nostri bisogni e la nostra sessualità a partire da noi stess*

Nel rifiuto della rispettabilità, della normalizzazione o di un passing normativo, del controllo e dell’autocontrollo in nome della promessa di riconoscimento.

Ma l’unicorno dov’è?

Era all’Atlantide e in tutti gli spazi occupati e autogestiti, come Xm24, dove altre aliene resistono all’esproprio di ciò che è comune ad opera dei conquistatori.

L’unicorno salta nella Consultoria transfemministaqueer, dove ci riappropriamo di salute, benessere, piacere e di corpi in relazione contro il potere biomedico, contro la logica gerarchica dei servizi, perché sappiamo che il servizio che le istituzioni vogliono costringerci a offrire non è nient’altro che il nostro lavoro capitalizzato di cui si appropriano.

L’unicorno scalcia contro il decoro: il Pride non è sfilare sulla passerella coperte con vestiti che non possiamo nemmeno permetterci, solo per sembrare decorose, per essere accettate da Luxuria. Combatte con il suo corpo eccentrico il decoro urbano imposto dal decreto Minniti-Orlando, che viene usato per espellere trans, lavoraori/ici/* sessuali, corpi fuori norma, migrant* e clandestin* e per togliere agibilità politica alle lotte sociali. Alle lotte di chi vive condizioni materiali precarie, come molt* di noi trans, lesbiche e gay.

Per questo non possiamo diventare modello per la civilizzazione, non vogliamo partecipare alla retorica della conquista di nuove frontiere se non siamo capaci di abbattere quelle che ci sono già – quelle dei nostri privilegi, del privilegio bianco, della classe, della cittadinanza, del binarismo.

L’astronauta è mandato dall’Impero per cacciarci o costringerci ad essere brav* cittadini*, lavorator* di successo, consumator* mirati, mogli e marite, madri e padri. In cambio di protezione vuole fare di gay e lesbiche un’immagine modello di civiltà per propagare razzismo e lotta al degrado, per colpevolizzare la miseria e la povertà. Ci impone di riporre nel privato la nostra indecente diversità e diventare persone normali. Ma i nostri corpi, sessualità e generi eccedono, non saranno l’arcobaleno sul vessillo dell’Impero. Noi siamo la popola nomade e alien*, siamo l’unicorno di Troia e di troie, favolose e indecorose spezzeremo dall’interno l’ingranaggio di un potere che non ci avrà!

Spezzone trans* transfemminista queer al corteo del Bologna Pride.

Sabato 1 luglio, piazza dei Martiri ore 15.00.

Laboratorio Smaschieramenti

Atlantide

Consultoria transfemministaqueer

 

http://smaschieramenti.noblogs.org  | fb: laboratorio smaschieramenti http://consultoriaqueerbologna.noblogs.org | fb:  consultoria TransFemminista Queer http://atlantideresiste.noblogs.org | fb: atlantideResiste

Posted in General | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Spazio all’unicorono! Aperitivo di autofinanziamento di Smaschieramenti e Consultoria Queer

Stanca dei Pride passerella?
Alla collaborazione preferisci l’autorganizzazione?
Al decoro urbano, il decorativismo estremo?
Meglio la frocianza erratica del party d’ordinanza?

Se hai risposto sì almeno a tre domande, sei pront* a salire sull’unicorno di Troia.
(Timeo danaos, et dona ferentes)

Venerdì 23 giugno, aperitivo benefit per il Pride e la Campeggia transfemministaqueer
Orgoglio sì, ma indecoroso e libero!

Barattolo, via del Borgo di San Pietro 26/a, Bologna

h 19.00-0.30
Djset Atlanticyborg

By Laboratorio smaschieramenti, consultoria transfemminista queer

Posted in General | Leave a comment

Non una insegnante di meno

Leggiamo sui giornali la storia di un’insegnante precaria messa alla gogna in quanto una sua foto sarebbe presente su un sito hard sotto uno pseudonimo che contiene la parola “trans”. Non sappiamo se la persona la cui foto appare su questo sito sia veramente la prof in questione. E francamente non crediamo sia rilevante: ci interessa invece denunciare la violenza contenuta nelle reazioni che questa foto ha provocato.

Gli articoli che sono comparsi sulla stampa e le parole dell’assessora all’istruzione della regione veneto Elena Donazzan sono carichi di un ributtante miscuglio di transfobia e trans-misoginia, di sessuofobia, di stigmatizzazione di ogni tipo di sessualità che non si celi pudicamente dentro la stanza da letto coniugale e di violenza contro chi svolge lavoro sessuale.

L’assessora chiede l’eliminazione dalle graduatorie di questa insegnante, e si è addirittura spinta ad affermare che le persone trans non possano insegnare o lavorare a contatto con i minori.

Esprimiamo la nostra solidarietà all’insegnante, e a tutte le donne che si siano trovate in situazioni simili. Rafforziamo la nostra determinazione nella lotta contro tutte le forme di violenza contro le donne, ma oggi in modo particolare contro la violenza fisica, verbale, economica e politica verso le donne trans, verso le lavoratrici del sesso, verso le donne che per qualunque ragione hanno proprie foto in qualche tipo di sito erotico.

Oltre a colpire una singola donna, questo episodio mira a intimidire tutte le donne e gli uomini trans e le persone di genere non binario, intimando loro di nascondere la loro storia e il loro corpo come una vergogna, e a spaventare, in generale, tutte le lavoratrici che, secondo la morale bigotta e sessista di gente come l’assessora Donazzan, avrebbero “qualcosa da nascondere”.

Sebbene la legge non sia mai stata il nostro riferimento per distinguere ciò che giusto e ciò che è sbagliato, ci troviamo costrette a ricordare che nè la pornografia nè la prostituzione fra adulti consenzienti sono reati per la legge italiana, anche se con stratagemmi amministrativi e discorsi stigmatizzanti si ottiene l’effetto di far credere che lo siano.

Elena Donazzan ha anche sostenuto che è scandaloso che gli insegnanti vengano assunti “solo sulla base di un titolo di studio”, senza verificare le loro “qualità morali”. La retorica della meritocrazia, che da tempo viene utilizzata per giustificare la precarizzazione sempre più spinta degli insegnanti della scuola pubblica, sconfina adesso nella polizia morale.

Fra “i giovani” che i moralisti vorrebbero proteggere da qualsiasi contatto con persone o argomenti trans ci sono di certo ragazzi e ragazze trans, dichiarat* o meno; di certo ci sono ragazzi e ragazze molto meno sessuofobi e sessisti degli adulti che pretendono di educarli e di “proteggerli”. Le dichiarazioni dell’assessora Donazzan e di tutti quelli e quelle che fanno discorsi simili offendono anche loro.

Non contate sul nostro silenzio, ma solo sulla nostra rabbia.

SomMovimento NazioAnale

Posted in General | Leave a comment

FROCIE A BESTIA PER L’AUTOGESTIONE

Il laboratorio Smaschieramenti sostiene e partecipa alla giornata di autogestione e resistenza del 4 marzo indetta da Xm24. Anche noi frocie trans lelle e femministe abbiamo amato e amiamo Xm24, un luogo dove abbiamo lavorato per sostenere percorsi di autodeterminazione per le nostre soggettività eccentriche e precarie. Anche noi abbiamo denunciato la retorica istituzionale della collaborazione e della cittadinanza attiva che nasconde logiche clientelari e di creazione del consenso, persegue il progetto di privatizzazione e dismissione del welfare, sostituisce i servizi con lavoro volontario a costo zero. Una logica della sussidiarietà che svuota politicamente le esperienze di autorganizzazione, e che si accompagna alla criminalizzazione di queste realtà quando non si limitano ad adeguarsi ad un modello imposto dall’alto. L’idea del comune di sostituire Xm24 con una “casa di associazioni” da selezionare tramite apposito bando mostra ancora una volta il tentativo di rimpiazzare i soggetti politicamente autonomi con “entità docili”, ricattabili e funzionali al progetto di governance neoliberale. La vicenda di Xm24 è l’ennesima conferma che, dietro la retorica partecipativa, il governo della città mette in discussione arbitrariamente e unilateralmente i progetti culturali sociali e politici dal basso, minacciando e attuando sfratti e sgomberi che vanno a colpire le realtà che si autorganizzano per rispondere collettivamente ai bisogni sociali.Come frocie, lesbiche trans e femministe continuiamo invece a portare avanti percorsi che partono proprio dai bisogni e dalla materialità delle vite queer/precarie. Bisogni che non trovano espressione e soddisfazione nei circuiti della socialità mercificata e nella cornice di servizi istituzionali erogati dall’alto, ma che necessitano di luoghi politici orizzontali e antigerarchici come Xm24, luoghi di messa in comune di saperi ed esperienze, per esprimersi e organizzarsi, per sperimentare alternative all’eterosessualità obbligatoria, ai ruoli di genere binari, alla crescente omologazione delle sogettività lgbt. Per questo motivo saremo in piazza con Xm24 con il progetto della Consultoria TransFemminista Queer Autogestita: un progetto che mira a fare emergere, mappare e soddisfare collettivamente e in autonomia i bisogni di donne lesbiche, trans, frocie e femministe relativi a salute, benessere, sessualità, autodeterminazione di genere, contrasto alla violenza di genere e del genere. Attraverseremo le piazze della giornata dell’autogestione per fare emergere, con un’autoinchiesta  video, quei bisogni e quelle esperienze che eccedono il modello di governance neoliberale che informa le politiche di questa città, e che reclamano spazi di esistenza autonoma. Xm24 non si tocca!

Ci troverete

alle 12,30 biciclettata da XM24

alle ore 14 in Piazza di Porta Santo Stefano e in vari altri luoghi e momenti della giornata di sabato

… e #ovunque

Lab Smaschieramenti

Posted in documenti, interventi, articoli di smaschieramenti | Leave a comment

Il Laboratorio Smaschieramenti si unisce alla lotta delle e dei migranti e alle realtà solidali contro la riaperture dei Cie.

La violenza degli apparati di stato contro le donne migranti è testimoniata dalla morte di Sandrine Bakoyoko nel Cpa di Cona, ennesimo tragico episodio che svela l’orrore del sistema italiano ed europeo che quotidianamente costringe le/i migranti in condizioni disumane e reprime qualsiasi forma di autorganizzazione.

In questo contesto, sono grottesche e palesemente false, le dichiarazioni trapelate dal ministero dell’interno, per le quali l’80% dei richiedenti asilo si dichiarerebbe omosessuale: dimostrazione di quanto la deriva omonazionalista – intesa come inclusione differenziale e vittimizzante di omosessuali, lesbiche e trans nel quadro nazionalista – sia ormai affermata anche in Italia.

Come lesbiche, trans*, gay e transfemministe ribadiamo la nostra opposizione alle retoriche razziste della civiltà, in nome della quale troppo spesso negli ultimi anni il movimento lgbt mainstream ha rivendicato briciole di diritti, supportando di fatto narrazioni e immaginari islamofobici e xenofobi. Anche la violenza contro le donne è stata strumentalizzata da più parti per rappresentare il maschio migrante come unica incarnazione di una cultura patriarcale e retrograda. Il discorso politico e mediatico proietta sui migranti la minaccia sessista e transomofoba alle libertà e ai diritti di gay, lesbiche e trans per mascherare il proprio eterosessismo strutturale e per neutralizzare le rivendicazioni e le lotte transfemministe e froce. Oggi mentre in tutta Europa queste retoriche vengono mobilitate per legittimare la riapertura dei Cie e le politiche di espulsione, noi ribadiamo che la violenza contro le donne e tutte le soggettività eccentriche non ha nazione e che la si combatte con la complicità alle lotte di autoderminazione dei\delle migranti e costruendo reti transnazionali dal basso contro la violenza del maschile egemonico.

Aderiamo al presidio di solidarietà in via Mattei, sabato 7 gennaio alle 10.30 e invitiamo tuttu a partecipare.

Posted in General | Leave a comment

Dom 13 Nov – Assemblea aperta del lab Smaschieramenti per la costruzione dello spezzone transfemminista queer

Il Laboratorio Smaschieramenti è nato a seguito della grande manifestazione contro la violenza maschile contro le donne del 24 novembre 2007 a Roma: una manifestazione alla quale gli uomini non erano stati invitati. Piuttosto che criticarla, allora abbiamo deciso di lasciarci interpellare da questa decisione: per questo abbiamo costituito un gruppo misto, formato da soggettività codificate come “donne” e soggettività codificate come “uomini”, con relazioni omosessuali, lesbiche e/o eterosessuali, che riflettessero a partire dai propri diversi posizionamenti sul privilegio maschile, sulla sua costruzione sociale e culturale e su come sabotarla.

Parlare di violenza maschile significa individuare un meccanismo che determina e condiziona continuamente le nostre esistenze. Non si tratta di un fenomeno isolabile dal resto, di un incidente di percorso, o soltanto di un cattivo comportamento da cui prendere le distanze: la violenza maschile sulle donne è parte integrante della nostra società e della nostra cultura, che vogliono tenere ben distinti due sessi e due generi  a sostegno del regime eterosessuale. Agli estremi di questo continuum della violenza ci sono la violenza fisica, lo stupro, l’uccisione.

Ma questo vuol dire che essendo tutte/i/*  implicat@, tutte/i/* abbiamo la possibilità di fare qualcosa per smontare un piccolo pezzo di quel grande sistema culturale che sostiene la violenza maschile contro le donne e contro chi trasgredisce i confini dei generi sessuali.

Dal 2008 ad oggi abbiamo contribuito a costruire una presa di parola e una pratica politica sempre più allargata delle soggettività transfemministequeer che ci ha portate a condividere la proposta del documento e la convocazione dello spezzone transfemminista queer nella manifestazione del 26 novembre a Roma.

Per discutere di tutto questo e costruire insieme lo spezzone transfemminista queer, invitiamo tutte/i/u alla nostra assemblea aperta, domenica 13 novembre alle 20 presso il Centro delle Donne, in via del Piombo 7.

Nel corso dell’assemblea sarà anche possibile acquistare i biglietti dell’autobus per andare a Roma il 26.

seconda13n-4

Posted in General | Tagged , , | Leave a comment

26N: Per uno spezzone transfemminista queer al corteo nazionale contro la violenza maschile sulle donne

In moltissime parti del mondo – in Sud America, in Polonia, in Spagna – le donne stanno occupando le strade: femministe, trans*, sex workers, soggettività lgbtqi, tutt* insieme con i propri corpi e le proprie rivendicazioni, incrociano le braccia per dire basta ai femminicidi e alla violenza di genere e per affermare la propria autodeterminazione. Il prossimo 26 novembre, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne, si scenderà in piazza a Roma con un grande corteo nazionale al grido di “Non una di meno”vogliamo esserci come lelle, froce, trans*, puttane e terrone con uno spezzone transfemminista queer aperto a tutt* coloro che fanno della lotta alla violenza eteropatriarcale, all’eterosessualità obbligatoria e al binarismo di genere una priorità.

La violenza maschile contro le donne non deve e non può essere in alcun modo relativizzata. Allo stesso tempo, la nostra esperienza della violenza di genere mette in evidenza i nessi tra violenza maschile, eteronormatività e imposizione del binarismo di sesso-genere.
Come transfemministe queer siamo costantemente in lotta per costruire un mondo libero dalla violenza di genere, la cui enormità è davanti ai nostri occhi ogni giorno con un vero e proprio bollettino di guerra. Ma la violenza non è solo quella rappresentata mediaticamente, non è un elemento disfunzionale rispetto ai presunti normali rapporti tra uomini e donne, non è l’eccezione nel mondo etero-cis-patriarcale, ma è un fenomeno sistemico e strutturale. Al cuore di questa violenza ci sono l’eteronormatività e l’eterosessualità obbligatoria che producono un sistema di generi rigidamente binario, secondo il quale la propria “maschilità” o “femminilità” e i ruoli sociali dipenderebbero dal sesso assegnato alla nascita. In questa cultura, “maschile” e “femminile” sono generi costruiti come opposti, complementari e asimmetrici: tutto ciò che è “femminile” occupa un posto inferiore. Chiunque provi a ribellarsi alla norma che determina quale posto bisogna occupare nel mondo, che sia una donna che sceglie di lasciare il marito violento o un* adolescente che scappa da una famiglia che non le/gli permettere di scegliere liberamente come vivere il genere, la sessualità e i legami affettivi, viene colpit* dalla violenza di questo sistema, viene ricondott* all’ordine e, se continua a ribellarsi, uccis* o suicidat*.

Questa violenza ha una profonda radice patriarcale che cerca continuamente di reimporsi contro l’autonomia delle donne e i percorsi di autodeterminazione di tutte le soggettività che resistono all’eteronormatività e si ribellano al binarismo di genere: perché la matrice della violenza che colpisce le donne – cis, trans*, etero, lesbiche, queer, bi – è la stessa che produce la violenza contro tutte le soggettività che trasgrediscono la norma etero e cis, che si rifiutano di riprodurre la maschilità egemonica o di identificarsi come donne nonostante l’assegnazione alla nascita. Anche in questo senso, diciamo che la violenza di genere è violenza maschile: perché è prodotta dal funzionamento coerente della maschilità egemonica, che si costruisce come naturale e spontanea attraverso la delegittimazione e la repressione di ogni altra forma di mascolinità non normativa, non etero, femminile, lesbica, gay, trans*.
Non si tratta quindi di aggiungere altre soggettività alla lista delle vittime, ma di affermare che la violenza di genere è prodotta dalla violenza DEL genere, dall’imposizione di due sessi-generi normativi a sostegno dell’eterosessualità obbligatoria, all’interno di una cornice familista e riproduttiva. Questa violenza trova terreno fertile nella centralità sociale attribuita alla famiglia nucleare e alla coppia – intesa come unico luogo legittimo di realizzazione emotiva e di espressione dell’amore e al contempo come spazio eminentemente “privato” (“tra moglie e marito non mettere il dito!”)- e nell’immaginario dell’amore romantico: un immaginario che si nutre di senso del possesso, gelosia, esclusività, annullamento di sé e fusione simbiotica, isolamento nella coppia, non solo produce linfa per la violenza ma finisce anche per legittimarla.

In questo contesto, alla maschilità egemonica fa da contrappunto una femminilità normativa, a cui tutt* coloro che sono stat* assegnat* donne alla nascita sono chiamate ad aderire, prestandosi più o meno gratuitamente al lavoro di cura, affettivo e materiale e di riproduzione e naturalmente all’eterosessualità e alla maternità obbligatorie. Proprio a quest’obbligo ha tentato di ricondurci recentemente il fertility day, così come ci provano continuamente gli attacchi alla libertà di scelta (non) riproduttiva messi in atto dai cosiddetti obiettori di coscienza negli ospedali pubblici, che svuotando di fatto la legge 194 nel nome di un modello e un ruolo femminile destinato alla maternità, mettono a rischio non solo la libertà ma anche la vita stessa delle donne.
Non ci stancheremo mai di ricordare, inoltre, che la violenza del genere, agisce indipendentemente dalla provenienza o dalla cosiddetta “cultura” di chi la compie. Rispediamo quindi al mittente ogni lettura femonazionalista e omonazionalista della violenza contro le donne, che produce degli “altri” razzializzati (migranti, musulmani o terroni che siano), che proietta le proprie strutture eteropartiarcali su altre culture provenienti dal Sud, non solo in senso geografico, rappresentandole come meno “civili” e intrinsecamente violente, tradizionali o arretrate. Le narrazioni razziste della violenza strumentalizzano le nostre lotte per occultare il fatto che la violenza non è esterna e lontana, ma un elemento che struttura tutta la società e solidifica la comunità nazionale.

Contro la violenza del genere e di genere, contro la riproduzione della maschilità egemonica e la complicità con essa, come invito a ribellarsi anche alla femminilità normativa, vogliamo rilanciare la prospettiva dello sciopero dai/dei generi, come pratica di lotta quotidiana, di sottrazione dalle performance binarie dei ruoli di genere socialmente imposti.
Alla centralità sociale della relazione monogamica e all’immaginario romantico ci ribelliamo continuando a costruire e sperimentare molteplici forme di intimità, reti di affetti e di cura non centrate sulla coppia, perché gli affetti e le relazioni sono sempre un fatto politico, non solo quando diventano violente! Se è vero che la violenza di genere si riproduce anche dentro le relazioni non etero e queer, nella misura in cui abbiamo introiettato i codici egemonici e binari della coppia ruolizzata, nei quali siamo stat* cresciut*, risulta ancora più importante – contro ogni forma di etero e omonormatività – riaffermare il desiderio, la pratica e l’importanza politica delle altre intimità e delle forme di relazione e affetto alternative.
Crediamo che non sia possibile vincere la battaglia contro la violenza eteropatriarcale senza tessere fili di connessione tra di noi, senza leggere le intersezioni che ci sono tra l’essere donna, frocia, lesbica, trans*, queer, intersex, migrante, sex worker, terrona in una società maschile e maschilista, eterosessista e violenta, che cerca con ogni mezzo di incasellarci e ricondurci tutt* all’ordine, nelle case, sul lavoro, a scuola, per strada, nelle relazioni, nelle istituzioni e nei servizi pubblici.
Per questo, abbiamo deciso di costruire uno spezzone transfemminista queer alla manifestazione del 26 novembre, per creare lo spazio e il tempo per incontrarci, riconoscerci e posizionarci le une a fianco de* altr* nella lotta contro la violenza di genere. Perché chi ci vuole divise per disciplinarci ci troverà tutt* insieme a urlare furiose nelle strade e nelle piazze: NiUneMenos!

Per aderire, commentare, costruire insieme lo spezzone transfemministaqueer come singol* o come gruppo, collettivo, branco, s/banda, scrivi a transfemminista@canaglie.org

Posted in General | Tagged , , , | Leave a comment