BDS – Eurovision Artwashing Apartheid Israel 2019

  • Tra i firmatari finalisti, presentatori e giudici di precedenti edizioni di Eurovision, insieme a noti artisti come Brian Eno, The Knife, e Wolf Alice
  • Dall’Italia firmano Moni Ovadia, i Radiodervish, Vauro, gli Assalti Frontali e Jorit
  • Eurovision chiede a Israele di rispettare la libertà di espressione e di movimento come condizione per ospitare il concorso: ministri israeliani respingono la richiesta.

In una lettera aperta pubblicata sul Guardian, oltre 140 artisti da tutta l’Europa e oltre affermano: “Fino a quando i palestinesi non potranno godere della libertà, della giustizia e della parità di diritti per tutti gli esseri umani, non dovrebbero esserci rapporti – come se niente fosse – con lo stato che nega i loro diritti fondamentali”.

I firmatari, tra cui Brian Eno, The Knife, Wolf Alice, alcuni finalisti  di Eurovision e il vincitore del 1994, sostengono l’appello di artisti palestinese per il boicottaggio dell’Eurovision 2019, nel caso sia ospitato da Israele.

Tra i firmatari italiani figura il drammaturgo ed intellettuale Moni Ovadia, il noto gruppo di world music RadiodervishVauro, gli Assalti Frontali e il Coro partigiano triestino Pinko Tomažič. Ha firmato anche lo street artist napoletano Jorit, di recente arrestato e deportato da Israele per aver creato un murales della diciasettenne palestinese Ahed Tamimi mentre era detenuta nelle carcere israeliane.

Secondo consuetudine, Israele dovrebbe ospitare Eurovision 2019 nel maggio prossimo, a seguito della vittoria della sua rappresentante Netta Barzilai nell’edizione del 2018. Da allora si sono diffusi numerosi appelli per il boicottaggio della competizione.

Altri firmatari della lettera comprendono il vincitore di Eurovision 1994 per l’Irlanda, Charlie McGettigan, i finalisti dell’Eurovisione finlandese Kaija Kärkinen (1991) e Kyösti Laihi (1988), e il direttore artistico del teatro nazionale portoghese Tiago Rodrigues. Affermano: “Eurovision 2019 dovrebbe essere boicottato se è ospitato da Israele mentre continua la sua grave, decennale violazione dei diritti umani palestinesi”.

A giugno, le organizzazioni culturali palestinesi hanno fatto appello per il boicottaggio dell’Eurovisione 2019, sottolineando che: “Il regime israeliano di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid fa uso spudorato di Eurovision come parte della sua strategia ufficiale di Brand Israel, che cerca di mostrare ‘la faccia più bella di Israele’ per distogliere l’attenzione dai suoi crimini di guerra contro i palestinesi”.

Nick Seymour del gruppo australiano Crowded House, il coreografo e regista teatrale Alain Platel e l’attore danese Jesper Christensen si uniscono al romanziere Yann Martel, al compositore catalano Lluís Llach, al coro sloveno ŽPZ Kombinat e all’attrice statunitense Alia Shawkat nel firmare la lettera.

Olof Dreijer e Karin Dreijer, già del duo svedese The Knife, hanno anche aggiunto i loro nomi all’appello, che afferma: “Il 14 maggio, pochi giorni dopo la vittoria di Israele all’Eurovision, l’esercito israeliano ha ucciso 62 manifestanti palestinesi disarmati a Gaza, inclusi sei bambini, ferendone centinaia, la maggior parte con munizioni vere. Amnesty International ha condannato la politica israeliana di ‘sparare per uccidere o mutilare’ e Human Rights Watch ha descritto le uccisioni come ‘illegali e calcolate’”.

La lettera, firmata anche dai registi Alain Guiraudie, vincitore del miglior regista a Cannes 2013, Ken Loach, Mike Leigh, Eyal Sivan Aki Kaurismäki, i finalisti della selezione nazionale islandese dell’Eurovision 2017 Daði Freyr e Hildur Kristín Stefánsdóttir, e il musicista norvegese Moddi, conclude:

“L’Unione Europea di Radiodiffusione (EBU) ha chiesto ad Israele di trovare una sede ‘non divisiva’ per l’Eurovision 2019. Dovrebbe annullare completamente Israele come paese ospitante della competizione e trasferire l’hosting dell’evento in un paese dove lo stato dei diritti umani è migliore. L’ingiustizia divide, mentre la ricerca della dignità e dei diritti umani unisce”.

La Campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (PACBI), membro fondatore del Comitato nazionale palestinese per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni (BDS), ha dichiarato:

“Gli organizzatori dell’Eurovisione hanno chiesto a Israele di rispettare la libertà di espressione e di movimento come condizione per ospitare il concorso. Ministri israeliani hanno apertamente respinto la richiesta, insistendo invece di applicare le leggi repressive e antidemocratiche di Israele.

“Gli organizzatori dell’Eurovisione dovrebbero ascoltare gli appelli di finalisti (incluso un vincitore), presentatori, commentatori e giudici dello stesso Eurovisione, così come la più ampia comunità di artisti, e spostare definitivamente la competizione da Israele”.

BDS Italia
bdsitalia.org
bdsitalia@gmail.com
facebook.com/BDSItalia
@bdsitalia

Posted in General | Tagged , , , , | Leave a comment

Presentazione di Xenofemminismo – Modo Infoshop

Siamo invitatu a intervenire alla presentazione di Xenofemminismo

mercoledì 23/01/2019 alle 19:00 a Libreria modo infoshop

************************************************************

Xenofemminismo
di Helen Hester
Produzioni Nero, collana Not

La traduttrice Clara Ciccioni dialogherà con Nina Ferrante CRAAAZI e il laboratorio Smaschieramenti.

In un’epoca fatta di accelerazione tecnologica e crescente complessità, come tornare a immaginare il potenziale emancipatore del femminismo? E in che modo possiamo riconfigurare le politiche di genere in un mondo trasformato da automazione, globalizzazione e rivoluzione digitale?

Sono queste le domande da cui parte Helen Hester, tra le fondatrici di Laboria Cuboniks, il collettivo a cui già si deve l’acclamato Manifesto xenofemminista. In questo nuovo libro, che è assieme prosecuzione e superamento del manifesto originario, Hester sviluppa una definizione dello xenofemminismo che prende le mosse da tre concetti chiave: tecnomaterialismo, antinaturalismo, e abolizionismo del genere. Hester ne sviluppa gli spunti mettendoli in relazione alle tecnologie riproduttive attuali, interrogando il rapporto tra riproduzione e futurità – ma evitando di cadere in un antinatalismo problematico – per infine concentrarsi sui possibili impieghi di vere e proprie tecnologie xenofemministe, anche a partire da esempi già appartenenti alle pratiche del femminismo storico e che possono essere rivisitati ai fini di una politica di genere orientata al futuro e a modelli alternativi di riproduzione.

Posted in General | Leave a comment

Il Gender è morto, viva il Gender!  Insegnanti, student*, alleate di Non Una Di Meno.

Da Non Una Di Meno Bologna:

Il Gender è morto, viva il Gender!
Insegnanti, student*, alleate di Non Una Di Meno.

Una notizia che non ci sorprende quella sul blocco del progetto di educazione di genere nelle scuole trentine, ma che non ci lascia indifferenti. L’ennesimo tentativo di oscurare un approccio all’educazione basato sulla conoscenza di sé e dell’altr*, per una crescita consapevole. Chi pensa di poterci fermare non ha capito di cosa siamo capaci.

Qualche tempo fa il problema era la teoria evoluzionistica: orde di conservatori scandalizzati di fronte all’educazione scientifica e laica.
Ora ci risiamo. Purtroppo questa volta gli attacchi alla libertà di insegnamento e al diritto all’educazione non si concentrano sul Big Bang, ma sul presente. Questa volta sono proprio i nostri corpi, la nostra autodeterminazione come bambine, donne e ragazze, le nostre vite di femministe, di lesbiche, di gay, di trans* a rappresentare il “problema” delle formazioni antigender o cattofasciste. Il problema è reale: schedature – ad opera di Forza Italia e Comitato Family Day – delle scuole bolognesi che proponevano progetti o lezioni contenenti educazione alle differenze, circolari del MIUR che cedono a gruppi di genitori le competenze di approvazione dei piani di formazione triennale delle scuole, regioni, come il Trentino, che sospendono l’educazione alle differenze, censure di testi, di favole, di racconti, lo scrutinio delle vite personali delle e dei docenti.

 

La “teoria del gender” è per loro un termine ombrello che rappresenta tutte le esperienze non eterosessuali e non cisgender. Come se tutte le persone che non rientrano nel modello di uomo e di donna da loro proposto fossero talmente perverse e scandalose da doverne nascondere l’esistenza. Si tratta di un evidente delirio di onnipotenza per cui c’è chi crede che basti smettere di parlare di omosessuali, ad esempio, per farli scomparire dalla faccia della terra. Altro che ideologia del gender e stregoneria, il pensiero “magico” sta proprio qui: non ti vedo non esisti.

L’istruzione pubblica non può piegarsi alle paranoie di un manipolo di cospirazionisti convinti di poter combattere l’autodeterminazione, la transessualità, l’omosessualità, la libera espressione di sé con la censura. Potremmo citare convenzioni internazionali, la dichiarazione dei diritti umani, la costituzione – consapevoli che queste sono disattese – ma non è al principio di legalità che vogliamo appellarci. Quello che vogliamo cambiare è il modello di società, di relazioni di potere ed opporci all’avanzata delle forze di governo neoconservatrici ormai globali.

Lavoriamo ogni giorno nelle scuole e conosciamo lì bimb*, ragazz* che rifiutano i ruoli tradizionali, che sanno sognare un destino diverso per sé come donne future, bimb* e ragazz* di generi e orientamenti non corrispondenti ai modelli preposti. Sono proprio loro a cercare l’appoggio che non trovano nelle proprie case quando la chiusura e la violenza omofoba, transfobica e sessista impedisce ai genitori di amarli come e quanto loro desidererebbero.

Noi insegnanti femministe e transfemministe – al fianco di studentesse e studenti – siamo impegnate ogni giorno nell’affermazione della libertà di autodeterminazione, del concreto diritto per tutt* di poter vivere la propria età lontano da ideologie mortificanti e discriminatorie, della libertà di formarsi come individue/i senza dover subire violenza di genere, che essa provenga dalle istituzioni, dalla famiglia di provenienza o da altri adulti di riferimento, e di crescere senza dover dimostrare di essere abbastanza “uomini” oppure di essere sempre carine e “femminili”.

La censura dei libri, dei progetti per l’educazione alle differenze non ci porterà al silenzio. Ai roghi di libri continueremo a opporre nuove pubblicazioni, nuove pratiche di apprendimento e co-appendimento, per “imparare ad imparare”.

Lo scrutinio dei profili “social” delle insegnanti, messo in atto da un consigliere di maggioranza della provincia autonoma di Trento, per screditarne le competenze sulla base della partecipazione alla vita politica e a battaglie sociali è una palese violazione della privacy e della libertà di espressione, di stampa, di associazione, delle persone che hanno scelto di insegnare nella scuola pubblica. Un contratto di lavoro non prevede la rinuncia ai diritti civili o politici: siamo arrabbiate e non ci fermeremo.

L’8 Marzo 2019 SCIOPERIAMO per la libertà di insegnamento, per la libertà dalla violenza di genere e dei generi.
Scioperiamo per la dignità di una scuola che sappia interpretare i bisogni e i desideri di chi la vive.

Continue reading

Posted in General | Tagged , , , | Leave a comment

17 dicembre Giornata internazionale contro la violenza sulle persone sex worker  – Ombre Rosse

Dal Blog di Ombre Rosse

17 dicembre Giornata internazionale contro la violenza sulle persone sex worker

In questo giorno di lotta vogliamo denunciare le violenze che le/i sex worker subiscono in tutto il mondo. Una giornata importante nata nel 2003 in memoria delle vittime del Green River Killer a Seattle, Washington.

Una giornata internazionale per ricordare che lo stigma, la discriminazione e la criminalizzazione alimentano la violenza contro le lavoratrici e i lavoratori del sesso in tutto il mondo.

Per ricordare che come sex workers combattiamo lo stigma che nega le nostre esperienze e condona abusi e violenze. Per ricordare che ogni forma di criminalizzazione aumenta di oltre tre volte il rischio di violenza contro di noi (Vedi Amnesty International e molti altri studi accademici e non).

Per ricordare che le persone migranti vivono sui loro corpi una doppia discriminazione e criminalizzazione con deportazioni e retate imposte dal sistema repressivo della fortezza Europa.

Siamo contro ogni forma di sfruttamento, da quello dei papponi a quello legalizzabile dello Statocontro ogni forma di abusosfruttamentotratta e coercizione e ci batteremo affinché si ponga fine a ogni tipo di violenza e sfruttamento.

Criminalizzare la nostra attività o rafforzare, con multe e ordinanze, le leggi che controllano e reprimono del lavoro sessuale senza interpellarci e senza darci alternative concrete non farà che renderci più precarie, povere, ricattabili e sfruttabili soffocando le nostre soggettività e i nostri vissuti.

Sosteniamo la completa autodeterminazione degli individui, sia che riguardi il lavoro sessuale che la libertà di movimento.

Sogniamo che il nostro lavoro sia privo di abusi, sfruttamento e lavoro forzato.

Perché ci siano sempre più persone che possano sostenere la lotta per la decriminalizzazione, la solidarietà e per i diritti di tutte le sex worker – donne, cis e trans, buone e cattive, abili e disabili, di ogni nazionalità, classe sociale, età, religione ed etnia.

                      Ombre Rosse

Posted in General, sex work | Tagged , , | Leave a comment

Canzoniere della frocia NO TAV

Canzoniere della frocia NO TAV a cura di AH! Squeerto! Assemblea Queer Torino

 

 

 

 

 

 

 

 

A grande richiesta, la frocioniera delle canzoni usate lo scorso sabato 8 Dicembre 2018 per il grande corteo NO TAV che ci ha visto riottose e favolanti nella spezzona FROCIE FEROCI CONTRO TRENI VELOCI.

Scaldate le ugole, stay queer

Continue reading

Posted in materiali | Tagged , , | Leave a comment

FONTANA NOT WELCOME! – Trento

FONTANA NOT WELCOME!

A Trento il 3 dicembre verrà inaugurata la settima edizione del Festival della Famiglia e ad aprire i lavori sarà “niente di meno” che il ministro della famiglia e delle disabilità Lorenzo Fontana, il leghista veronese di riferimento per tutta l’area dell’estrema destra e del cattolicesimo fondamentalista.

Pensiamo che la sua presenza sia inaccettabile e la sua presa di parola insopportabile, e per questo vi invitiamo a raggiungerci per far sentire forte la nostra voce alla città e ad uno dei più oscuri personaggi che siedono fra i banchi del governo Lega-M5S.

Quando libertà, diritti e autodeterminazione sono sotto attacco è il momento di reagire.

Insieme al Collettivo transfemminista queer Trento vi aspettiamo lunedì 3/12 alle 16.00, in via Oss Mazzurana, davanti al Teatro Sociale.

FATE GIRARE, CONDIVIDETE. L’AUTO ORGANIZZAZIONE NON SI DELEGA!

Posted in General | Tagged , , , | Leave a comment

Solidarietà alle compagne di Perugia! Comunicato di Non Una Di Meno Perugia

Solidarietà alle compagne di Perugia! Condividiamo il comunicato di Non Una Di Meno Perugia e invitiamo tuttu a moltiplicare le iniziative di solidarietà in ogni città!

***il nostro comunicato come Non Una Di Meno Pg per la condanna di due nostre compagne a Perugia ***

Fuori i fascisti dalle nostre città!

Esprimiamo tutta la nostra rabbia e indignazione per la condanna in primo grado a tre e due mesi di carcere di due nostre compagne (con sospensione condizionale della pena), ree di aver manifestato spontaneamente e gioiosamente contro le “sentinelle in piedi”, integralisti cattolici la cui “libertà di espressione” si manifesta nel pretendere che altr* non siano (più) liber* di scegliere sulle proprie vite e sui propri corpi.
A pochi giorni dalla grandiosa manifestazione contro la violenza maschile sulle donne e di genere, nella quale ancora una volta la marea femminista di NON UNA DI MENO ha riempito le strade di Roma, questa ridicola sentenza ci ricorda come la violenza di genere e dei generi sia sistemica e strutturale, e conviva con gli apparati dello stato.
Era infatti il 2014 e le Sentinelle in piedi quel 29 Marzo apparivano sulla scena politica per riaffermare la difesa della “famiglia naturale” e i confini della stessa come “antidoto” alle scelte di altri modi di vivere le relazioni e di fare famiglia e alla “dissolutezza” delle soggettività lesbiche, trans, gay, intersex queer e + .
Era il 2014 e la giunta di destra nella città di Perugia da poco insediata sapeva già benissimo chi appoggiare e su quali consensi navigare…
Era il 2014, e già molte delle politiche di austerity neoliberiste, e l’avanzata di destra dilagavano in Europa, preludendo alla vera e propria torsione reazionaria nella quale oggi viviamo.
Già, era il 2014, e ora al tramonto del 2018 quella che sembrava un’ombra nera unitaria agli ultimi rantoli ci appare come un fascismo molecolare, sempre più presente nelle nostre vite quotidiane e ormai senza più vezzi anche nei governi di molti paesi.
Non ci sembrerà dunque un caso se il frontman di molte iniziative cattofasciste, dal “family day” in poi (tutte correlate da un’atavica paura del cosiddetto gender), come pure sostenitore delle sentinelle in piedi, l’onorevole Pillon, sia ora il vicepresidente della commissione infanzia e adolescenza e senatore firmatario dell’ omonimo disegno di legge che in pratica è contro il divorzio.
Trump, Orban in Europa, Minniti e i lager in Libia prima e ora Salvini con le sue politiche reazionarie e il suo DDL su sicurezza e immigrazione: tra i tanti provvedimenti liberticidi di quest’ultimo basti citare il rafforzamento e l’estensione dei daspo, la costruzione di un modello razzista e di apartheid per il paese, che parte dall’annullamento della protezione umanitaria.
E poi la sedicente chiusura dei porti, la violenza dei e ai confini, lo sfruttamento e la precarietà, i lavori forzati ad esempio quelli del reddito di sudditanza (pardon) di cittadinanza.
E ancora Pillon con questo suo vergognoso disegno di legge, le mozioni antiabortiste che stanno infettando varie città d’Italia, e l’assoluzione degli stupratori in tutti i paesi del mondo, ultima per notizia in Irlanda: la vittima indossava un tanga.
E ancora, in Italia Fontana ministro della famiglia, la messa in discussione dell’aborto in Argentina, in Polonia, in Irlanda.
La sentenza emessa pochi giorni fa a Perugia è in perfetta continuità con questi che sono solo alcuni degli avvenimenti e dei personaggi che in una trama complessa e molteplice attanagliano e minacciano le nostre vite, la nostra libertà, i nostri diritti, i nostri corpi e desideri.
Le accuse, alla stregua dell’assurdità di tutto l’impianto processuale, sono cadute: disturbo della quiete pubblica per degli “ombrelli colorati” e un “tamburello di grosse dimensioni” e per un “bacio concupiscente” inammissibile in quanto omosessuale e quindi di per sè disgustoso, potenziale minaccia alla serenità delle famiglie eterosessuali…tutte le accuse, tranne la frase “fuori i fascisti dalla città”, rivolta alle sentinelle,che è diventata un pretesto per condannare, comunque, due compagne con l’accusa di oltraggio a pubblico ufficiale.
E allora lo diciamo noi, insieme alle nostre compagne:
Sì c’erano molti fascisti in quella manifestazione, e anche sessisti e omofobi che occupano sempre di più posizioni di potere, e vogliono controllare le nostre vite, imponendoci come unico modello la famiglia eterosessuale, mononucleare, fondata sul matrimonio, in cui le donne sono subordinate. Ma sono anche razzisti e fascisti perché la sola famiglia che ci propinano e alla quale vogliono assicurare diritto di cittadinanza è bianca, coloniale e borghese.
Siamo orgogliose delle nostre compagne che come attiviste sono state prese di mira da questa ignobile sentenza, che ha come intento il voler dare un esempio di disciplinamento del potere autoritario.
Questo è il nostro coro: se toccano una toccano tutte!
Ci volete sottomesse, ci avrete ribelli!
Non Una Di Meno Perugia
Respect our existence _ or expect resistance !
#nonunadimeno #statodiagitazionepermanente #agitazionepermanente#siamomarea

Posted in General, Nonunadimeno | Tagged | Leave a comment

Coniglie Bianche alle Frociate

LE ATLANTIDEE INSIEME AI Conigli Bianchi PRESENTANO

******************Coniglie Bianche alle Frociate*******************

Questo sabato preparati per un inedito viaggio nel mondo delle meraviglie

H19:00
>>Apertura mostra delle illustratrici e degli illustratori dei Conigli Bianchi – ARTivist* contro la Sierofobia.

>> Autoinchiesta a cura della Consultoria TransFemminista Queer e della Gruppa del Centro Di Salute Internazionale su HIV/HAARTs/PrEP

H22:00
>> Tony Allotta performing art [alle performances], Er Baghetta [ai disegnini] e alcun* special guest d’eccezione [ai colpi di scena], vi aspettano per uno spettacolo interattivo che nasce sul palco e finisce su carta. Grazie al superpotere dei fumetti, della visibilità e dell’ironia due bianconigli in ritardo promettono di esorcizzare ogni imbarazzo e di trasformare l’HIV in un tema che sprigiona potere, e che tanto eroticamente quanto politicamente, unisce anziché dividere.

>> proiezione succulente concesse da Alberto D’Amico e Annalisa Corsi

H23:30
>> DJ-Set delle Meraviglie a cura delle Atlantidee.
suoneranno per voi:
*Toolhips – elettroshock
*missTitillo – sexy beaStz
TRAGS – live show
Absque – elettrowow

Inoltre banchetti informativi di PLUS – Onlus Persone LGBT SieropositiveNon Una Di Meno Bologna
***benefit a sostegno delle compagne di Perugia
https://liberetutte.noblogs.org/…/6-denunce-a-perugia-per-…/
con stampe originali a cura di
Percy Bertolini e Antonia Athena Leali

Posted in General, sierofobia | Tagged , | Leave a comment

Appuntamenti sabato 27 gennaio!

Non sai cosa fare questo sabato? Non sai come iniziare questo dicembre?

Noi sì! Ci sono due importantissimi appuntamenti per inziare favolosamente questo dicembre: Festa MigraBO – Oltre il giardino di genere e confini, appuntamento di incontro con e tra migrant* e rifugiat* lgbti, e Coniglie Bianche alle Frociate, in occasione della giornata mondiale contro l’AIDS Conigli Bianchi e Consultoria TransFemminista Queer per la prima volta insieme!

Come faremo noi? Ma è chiaro: grazie al potere dell’ubiquità che contraddistingue noi transfrocecyborg  Ci vediamo di qua e di là! Stay tuned!

Posted in General, sierofobia | Tagged , , , | Leave a comment

Slogan e canzoni per il corteo di domani!!!

 

1 INSIEME SIAM PARTITE, INSIEME RESTEREMO
NON UNA, NON UNA, NON UNA DI MENO

2 SIAMO MAREA / CHE NON SI FERMERA’ / VOGLIAMO DIRITTI E LIBERTÃ

3 (occhi di gatto)
A-a-a-Agitazione
Pe-pe-pe/pe-Permanente
sui nostri corpi non farai niente
noi siamo in lotta noi siamo tante
a-a-a-Agitazione
Pe-pe-pe/pe-Permanente
col tuo governo nessuno contratto
ci ribelliamo al vostro ricatto…

Continue reading

Posted in General, materiali | Tagged , , | Leave a comment