17 dicembre Giornata internazionale contro la violenza sulle persone sex worker  – Ombre Rosse

Dal Blog di Ombre Rosse

17 dicembre Giornata internazionale contro la violenza sulle persone sex worker

In questo giorno di lotta vogliamo denunciare le violenze che le/i sex worker subiscono in tutto il mondo. Una giornata importante nata nel 2003 in memoria delle vittime del Green River Killer a Seattle, Washington.

Una giornata internazionale per ricordare che lo stigma, la discriminazione e la criminalizzazione alimentano la violenza contro le lavoratrici e i lavoratori del sesso in tutto il mondo.

Per ricordare che come sex workers combattiamo lo stigma che nega le nostre esperienze e condona abusi e violenze. Per ricordare che ogni forma di criminalizzazione aumenta di oltre tre volte il rischio di violenza contro di noi (Vedi Amnesty International e molti altri studi accademici e non).

Per ricordare che le persone migranti vivono sui loro corpi una doppia discriminazione e criminalizzazione con deportazioni e retate imposte dal sistema repressivo della fortezza Europa.

Siamo contro ogni forma di sfruttamento, da quello dei papponi a quello legalizzabile dello Statocontro ogni forma di abusosfruttamentotratta e coercizione e ci batteremo affinché si ponga fine a ogni tipo di violenza e sfruttamento.

Criminalizzare la nostra attività o rafforzare, con multe e ordinanze, le leggi che controllano e reprimono del lavoro sessuale senza interpellarci e senza darci alternative concrete non farà che renderci più precarie, povere, ricattabili e sfruttabili soffocando le nostre soggettività e i nostri vissuti.

Sosteniamo la completa autodeterminazione degli individui, sia che riguardi il lavoro sessuale che la libertà di movimento.

Sogniamo che il nostro lavoro sia privo di abusi, sfruttamento e lavoro forzato.

Perché ci siano sempre più persone che possano sostenere la lotta per la decriminalizzazione, la solidarietà e per i diritti di tutte le sex worker – donne, cis e trans, buone e cattive, abili e disabili, di ogni nazionalità, classe sociale, età, religione ed etnia.

                      Ombre Rosse

Posted in General, sex work | Tagged , , | Leave a comment

Canzoniere della frocia NO TAV

Canzoniere della frocia NO TAV a cura di AH! Squeerto! Assemblea Queer Torino

 

 

 

 

 

 

 

 

A grande richiesta, la frocioniera delle canzoni usate lo scorso sabato 8 Dicembre 2018 per il grande corteo NO TAV che ci ha visto riottose e favolanti nella spezzona FROCIE FEROCI CONTRO TRENI VELOCI.

Scaldate le ugole, stay queer

Continue reading

Posted in materiali | Tagged , , | Leave a comment

FONTANA NOT WELCOME! – Trento

FONTANA NOT WELCOME!

A Trento il 3 dicembre verrà inaugurata la settima edizione del Festival della Famiglia e ad aprire i lavori sarà “niente di meno” che il ministro della famiglia e delle disabilità Lorenzo Fontana, il leghista veronese di riferimento per tutta l’area dell’estrema destra e del cattolicesimo fondamentalista.

Pensiamo che la sua presenza sia inaccettabile e la sua presa di parola insopportabile, e per questo vi invitiamo a raggiungerci per far sentire forte la nostra voce alla città e ad uno dei più oscuri personaggi che siedono fra i banchi del governo Lega-M5S.

Quando libertà, diritti e autodeterminazione sono sotto attacco è il momento di reagire.

Insieme al Collettivo transfemminista queer Trento vi aspettiamo lunedì 3/12 alle 16.00, in via Oss Mazzurana, davanti al Teatro Sociale.

FATE GIRARE, CONDIVIDETE. L’AUTO ORGANIZZAZIONE NON SI DELEGA!

Posted in General | Tagged , , , | Leave a comment

Solidarietà alle compagne di Perugia! Comunicato di Non Una Di Meno Perugia

Solidarietà alle compagne di Perugia! Condividiamo il comunicato di Non Una Di Meno Perugia e invitiamo tuttu a moltiplicare le iniziative di solidarietà in ogni città!

***il nostro comunicato come Non Una Di Meno Pg per la condanna di due nostre compagne a Perugia ***

Fuori i fascisti dalle nostre città!

Esprimiamo tutta la nostra rabbia e indignazione per la condanna in primo grado a tre e due mesi di carcere di due nostre compagne (con sospensione condizionale della pena), ree di aver manifestato spontaneamente e gioiosamente contro le “sentinelle in piedi”, integralisti cattolici la cui “libertà di espressione” si manifesta nel pretendere che altr* non siano (più) liber* di scegliere sulle proprie vite e sui propri corpi.
A pochi giorni dalla grandiosa manifestazione contro la violenza maschile sulle donne e di genere, nella quale ancora una volta la marea femminista di NON UNA DI MENO ha riempito le strade di Roma, questa ridicola sentenza ci ricorda come la violenza di genere e dei generi sia sistemica e strutturale, e conviva con gli apparati dello stato.
Era infatti il 2014 e le Sentinelle in piedi quel 29 Marzo apparivano sulla scena politica per riaffermare la difesa della “famiglia naturale” e i confini della stessa come “antidoto” alle scelte di altri modi di vivere le relazioni e di fare famiglia e alla “dissolutezza” delle soggettività lesbiche, trans, gay, intersex queer e + .
Era il 2014 e la giunta di destra nella città di Perugia da poco insediata sapeva già benissimo chi appoggiare e su quali consensi navigare…
Era il 2014, e già molte delle politiche di austerity neoliberiste, e l’avanzata di destra dilagavano in Europa, preludendo alla vera e propria torsione reazionaria nella quale oggi viviamo.
Già, era il 2014, e ora al tramonto del 2018 quella che sembrava un’ombra nera unitaria agli ultimi rantoli ci appare come un fascismo molecolare, sempre più presente nelle nostre vite quotidiane e ormai senza più vezzi anche nei governi di molti paesi.
Non ci sembrerà dunque un caso se il frontman di molte iniziative cattofasciste, dal “family day” in poi (tutte correlate da un’atavica paura del cosiddetto gender), come pure sostenitore delle sentinelle in piedi, l’onorevole Pillon, sia ora il vicepresidente della commissione infanzia e adolescenza e senatore firmatario dell’ omonimo disegno di legge che in pratica è contro il divorzio.
Trump, Orban in Europa, Minniti e i lager in Libia prima e ora Salvini con le sue politiche reazionarie e il suo DDL su sicurezza e immigrazione: tra i tanti provvedimenti liberticidi di quest’ultimo basti citare il rafforzamento e l’estensione dei daspo, la costruzione di un modello razzista e di apartheid per il paese, che parte dall’annullamento della protezione umanitaria.
E poi la sedicente chiusura dei porti, la violenza dei e ai confini, lo sfruttamento e la precarietà, i lavori forzati ad esempio quelli del reddito di sudditanza (pardon) di cittadinanza.
E ancora Pillon con questo suo vergognoso disegno di legge, le mozioni antiabortiste che stanno infettando varie città d’Italia, e l’assoluzione degli stupratori in tutti i paesi del mondo, ultima per notizia in Irlanda: la vittima indossava un tanga.
E ancora, in Italia Fontana ministro della famiglia, la messa in discussione dell’aborto in Argentina, in Polonia, in Irlanda.
La sentenza emessa pochi giorni fa a Perugia è in perfetta continuità con questi che sono solo alcuni degli avvenimenti e dei personaggi che in una trama complessa e molteplice attanagliano e minacciano le nostre vite, la nostra libertà, i nostri diritti, i nostri corpi e desideri.
Le accuse, alla stregua dell’assurdità di tutto l’impianto processuale, sono cadute: disturbo della quiete pubblica per degli “ombrelli colorati” e un “tamburello di grosse dimensioni” e per un “bacio concupiscente” inammissibile in quanto omosessuale e quindi di per sè disgustoso, potenziale minaccia alla serenità delle famiglie eterosessuali…tutte le accuse, tranne la frase “fuori i fascisti dalla città”, rivolta alle sentinelle,che è diventata un pretesto per condannare, comunque, due compagne con l’accusa di oltraggio a pubblico ufficiale.
E allora lo diciamo noi, insieme alle nostre compagne:
Sì c’erano molti fascisti in quella manifestazione, e anche sessisti e omofobi che occupano sempre di più posizioni di potere, e vogliono controllare le nostre vite, imponendoci come unico modello la famiglia eterosessuale, mononucleare, fondata sul matrimonio, in cui le donne sono subordinate. Ma sono anche razzisti e fascisti perché la sola famiglia che ci propinano e alla quale vogliono assicurare diritto di cittadinanza è bianca, coloniale e borghese.
Siamo orgogliose delle nostre compagne che come attiviste sono state prese di mira da questa ignobile sentenza, che ha come intento il voler dare un esempio di disciplinamento del potere autoritario.
Questo è il nostro coro: se toccano una toccano tutte!
Ci volete sottomesse, ci avrete ribelli!
Non Una Di Meno Perugia
Respect our existence _ or expect resistance !
#nonunadimeno #statodiagitazionepermanente #agitazionepermanente#siamomarea

Posted in General, Nonunadimeno | Tagged | Leave a comment

Coniglie Bianche alle Frociate

LE ATLANTIDEE INSIEME AI Conigli Bianchi PRESENTANO

******************Coniglie Bianche alle Frociate*******************

Questo sabato preparati per un inedito viaggio nel mondo delle meraviglie

H19:00
>>Apertura mostra delle illustratrici e degli illustratori dei Conigli Bianchi – ARTivist* contro la Sierofobia.

>> Autoinchiesta a cura della Consultoria TransFemminista Queer e della Gruppa del Centro Di Salute Internazionale su HIV/HAARTs/PrEP

H22:00
>> Tony Allotta performing art [alle performances], Er Baghetta [ai disegnini] e alcun* special guest d’eccezione [ai colpi di scena], vi aspettano per uno spettacolo interattivo che nasce sul palco e finisce su carta. Grazie al superpotere dei fumetti, della visibilità e dell’ironia due bianconigli in ritardo promettono di esorcizzare ogni imbarazzo e di trasformare l’HIV in un tema che sprigiona potere, e che tanto eroticamente quanto politicamente, unisce anziché dividere.

>> proiezione succulente concesse da Alberto D’Amico e Annalisa Corsi

H23:30
>> DJ-Set delle Meraviglie a cura delle Atlantidee.
suoneranno per voi:
*Toolhips – elettroshock
*missTitillo – sexy beaStz
TRAGS – live show
Absque – elettrowow

Inoltre banchetti informativi di PLUS – Onlus Persone LGBT SieropositiveNon Una Di Meno Bologna
***benefit a sostegno delle compagne di Perugia
https://liberetutte.noblogs.org/…/6-denunce-a-perugia-per-…/
con stampe originali a cura di
Percy Bertolini e Antonia Athena Leali

Posted in General, sierofobia | Tagged , | Leave a comment

Appuntamenti sabato 27 gennaio!

Non sai cosa fare questo sabato? Non sai come iniziare questo dicembre?

Noi sì! Ci sono due importantissimi appuntamenti per inziare favolosamente questo dicembre: Festa MigraBO – Oltre il giardino di genere e confini, appuntamento di incontro con e tra migrant* e rifugiat* lgbti, e Coniglie Bianche alle Frociate, in occasione della giornata mondiale contro l’AIDS Conigli Bianchi e Consultoria TransFemminista Queer per la prima volta insieme!

Come faremo noi? Ma è chiaro: grazie al potere dell’ubiquità che contraddistingue noi transfrocecyborg  Ci vediamo di qua e di là! Stay tuned!

Posted in General, sierofobia | Tagged , , , | Leave a comment

Slogan e canzoni per il corteo di domani!!!

 

1 INSIEME SIAM PARTITE, INSIEME RESTEREMO
NON UNA, NON UNA, NON UNA DI MENO

2 SIAMO MAREA / CHE NON SI FERMERA’ / VOGLIAMO DIRITTI E LIBERTÃ

3 (occhi di gatto)
A-a-a-Agitazione
Pe-pe-pe/pe-Permanente
sui nostri corpi non farai niente
noi siamo in lotta noi siamo tante
a-a-a-Agitazione
Pe-pe-pe/pe-Permanente
col tuo governo nessuno contratto
ci ribelliamo al vostro ricatto…

Continue reading

Posted in General, materiali | Tagged , , | Leave a comment

Spezzona frocia al 24 novembre – lelle, froce e trans in agitazione permanente

Siamo lelle, froce, trans, puttane e marchettare native, migranti, terrone, di seconda generazione e italiane senza cittadinanza, infette.

Abbiamo indetto lo stato di agitazione permanente al grido di Non Una di Meno contro la violenza di genere e dei generi e contro i governi che la legittimano. Vogliamo sfilare insieme nella manifestazione del 24 novembre a Roma. Ci vediamo alle 14 in Piazza della Repubblica (davanti alla chiesa) sotto lo scriscione “Orgogliose antirazziste”, lo stesso che abbiamo portato a Macerata, a Firenze, a Ventimiglia e a Verona.

Come abbiamo scritto nel Piano femminista contro la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere, sappiamo che la violenza che ci colpisce è strutturale e sistemica e le forme che assume sono molteplici, trasversali e intrecciate. Così anche le nostre lotte e la nostra resistenza.

Saremo a Roma perchè l’eterosessualità obbligatoria è la radice comune della violenza contro le donne, contro trans, lesbiche, gay e lavoratrici/tori del sesso.

Perché vediamo chiaramente il carattere macista dei discorsi razzisti e nazionalisti che stanno infestando il nostro paese (e non solo), e al tempo stesso percepiamo il razzismo e il colonialismo di cui è imbevuto l’immaginario e la costruzione dei generi in Europa.

Perchè il nesso che lega tutti i provvedimenti e i discorsi di questo governo è la volontà di imporre la riproduzione della nazione bianca ed eterosessuale. Un progetto delirante e mostruoso al quale, se mai dovesse essere offerto un posticino alle coppie gay e lesbiche più rispettabili, non intendiamo collaborare.

Saremo a Roma perchè mentre noi siamo sfrante dallo sfruttamento e dalla precarietà, Di Maio progetta un reddito di cittadinanza che viene assegnato al capofamiglia: tutto il contrario del reddito di autodeterminazione per cui ci battiamo da tempo, incondizionato, garantito a tutti/e a prescindere dalla nazionalità e assegnato ai singoli individui, in modo che sia uno strumento per liberarci dal ricatto della precarietà e rompere la dipendenza economica che impedisce a tant* gay, lesbiche, trans, donne e ragazze di andarsene di casa e di vivere la propria sessualità come vogliono.

Saremo a Roma perché vogliamo autodeterminazione e libertà per le persone trans che per la legge italiana sono costretti/e a farsi sterilizzare se vogliono il cambio di documenti e a farsi diagnosticare da uno psichiatra se vogliono accedere legalmente agli ormoni. Perchè vogliamo reagire alla violenza contro lesbiche, gay, trans, donne nelle famiglie, nelle scuole, negli spazi pubblici, sul lavoro, nella sanità e ovunque. Perché vogliamo fermare le mutilazioni genitali su* neonat* intersex, praticate nel silenzio negli ospedali pubblici.

Perché almeno fino al giorno in cui non sarà abolito il lavoro vogliamo essere sicure da qualsiasi tipo di violenza e di stigma quando facciamo lavoro sessuale. Perché anche quando facciamo lavori apparentemente “normali” sappiamo di essere sfruttate anche sessualmente, nel momento in cui ci è richiesto di offrire il nostro corpo quantomeno agli sguardi, di sedurre, flirtare, sorridere, gestire docilmente e garbatamente le avances e le molestie. Sappiamo bene che lo stigma della puttana colpisce duramente le sex workers ma serve a terrorizzare tutte le donne per continuare a disciplinare la loro sessualità e per questo lo combattiamo unite. (Ci) battiamo inoltre per la decriminalizzazione reale e completa del sex work, dalle leggi statali fino alle ordinanze comunali.

Per tutti questi motivi, scendiamo in piazza a testa alta e culo aperto, manifestiamo, balliamo per le strade, nelle piazze, facciamo festa, ci organizziamo e tramiamo contro l’orrore di questo sistema sessista, razzista e neoliberista.

************************************************************************************

Alla manifestazione nazionale aderiscono le Ombre Rosse!

Anche noi aderiamo al 24 Novembre: Manifestazione nazionale di Non una di meno, giornata internazionale contro la violenza maschile, di genere e dei generi. Scenderemo in piazza con ombrelli rossi per ribadire che non possiamo più tollerare ulteriore violenza sulle/sui lavoratrici/tori del sesso e che vogliamo una reale decriminalizzazione del sex work. Se anche tu sostieni le nostre lotte vieni in corteo con un ombrello rosso! #NonUnaSexWorkerDiMeno#RedUmbrella #SexWorkIsWork Ombre Rosse Ombretta Rossa Lina MessaMaria Mieli Mujeres Libres Bologna La MALA educación NON UNA DI MENONon Una Di Meno Bologna Ringraziamo le compagne francesi di Nous Aussi per l’immagine rubata!

L'immagine può contenere: testo
Posted in documenti, interventi, articoli di smaschieramenti, General, Nonunadimeno, sex work, Trans | Tagged , , , , , , , , , , | Leave a comment

Spezzona frocia al 24 novembre – lelle, froce e trans in agitazione permanente

da SomMovimento NazioAnale

Siamo lelle, froce, trans, puttane e marchettare native, migranti, terrone, di seconda generazione e italiane senza cittadinanza, infette.  Abbiamo indetto lo stato di agitazione permanente al grido di Non Una di Meno contro la violenza di genere e dei generi e contro i governi che la legittimano. Vogliamo sfilare insieme nella manifestazione del 24 novembre a Roma. Ci vediamo alle 14 in Piazza della Repubblica (davanti alla chiesa) sotto lo scriscione “Orgogliose antirazziste”, lo stesso che abbiamo portato a Macerata, a Firenze, a Ventimiglia e a Verona.

Come abbiamo scritto nel Piano femminista contro la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere, sappiamo che la violenza che ci colpisce è strutturale e sistemica e le forme che assume sono molteplici, trasversali e intrecciate. Così anche le nostre lotte e la nostra resistenza.

Saremo a Roma perchè l’eterosessualità obbligatoria è la radice comune della violenza contro le donne, contro trans, lesbiche, gay e lavoratrici/tori del sesso.

Perché vediamo chiaramente il carattere macista dei discorsi razzisti e nazionalisti che stanno infestando il nostro paese (e non solo), e al tempo stesso percepiamo il razzismo e il colonialismo di cui è imbevuto l’immaginario e la costruzione dei generi in Europa.

Perchè il nesso che lega tutti i provvedimenti e i discorsi di questo governo è la volontà di imporre la riproduzione della nazione bianca ed eterosessuale. Un progetto delirante e mostruoso al quale, se mai dovesse essere offerto un posticino alle coppie gay e lesbiche più rispettabili, non intendiamo collaborare.

Saremo a Roma perchè mentre noi siamo sfrante dallo sfruttamento e dalla precarietà, Di Maio progetta un reddito di cittadinanza che viene assegnato al capofamiglia: tutto il contrario del reddito di autodeterminazione per cui ci battiamo da tempo, incondizionato, garantito a tutti/e a prescindere dalla nazionalità e assegnato ai singoli individui, in modo che sia uno strumento per liberarci dal ricatto della precarietà e rompere la dipendenza economica che impedisce a tant* gay, lesbiche, trans, donne e ragazze di andarsene di casa e di vivere la propria sessualità come vogliono.

Saremo a Roma perché vogliamo autodeterminazione e libertà per le persone trans che per la legge italiana sono costretti/e a farsi sterilizzare se vogliono il cambio di documenti e a farsi diagnosticare da uno psichiatra se vogliono accedere legalmente agli ormoni. Perchè vogliamo reagire alla violenza contro lesbiche, gay, trans, donne nelle famiglie, nelle scuole, negli spazi pubblici, sul lavoro, nella sanità e ovunque. Perché vogliamo fermare le mutilazioni genitali su* neonat* intersex, praticate nel silenzio negli ospedali pubblici.

Perché almeno fino al giorno in cui non sarà abolito il lavoro vogliamo essere sicure da qualsiasi tipo di violenza e di stigma quando facciamo lavoro sessuale. Perché anche quando facciamo lavori apparentemente “normali” sappiamo di essere sfruttate anche sessualmente, nel momento in cui ci è richiesto di offrire il nostro corpo quantomeno agli sguardi, di sedurre, flirtare, sorridere, gestire docilmente e garbatamente le avances e le molestie. Sappiamo bene che lo stigma della puttana colpisce duramente le sex workers ma serve a terrorizzare tutte le donne per continuare a disciplinare la loro sessualità e per questo lo combattiamo unite.

Per tutti questi motivi, scendiamo in piazza a testa alta e culo aperto, manifestiamo, balliamo per le strade, nelle piazze, facciamo festa, ci organizziamo e tramiamo contro l’orrore di questo sistema sessista, razzista e neoliberista.

Posted in General | Leave a comment

La transfobia spiegata ai scemi TDOR 2018

Cos’è la transfobia?
Tra i vari materiali distribuiti in piazza al TDOR 2018 – Trans day of remembrance,  il libretto di istruzioni contro transfobia e transnegatività! Non è una “fobia”, una paura personale, ma un costrutto sociale con precise responsabilità politiche, che produce violenza e stigma! Grazie a Percy Bertolini e Antonia Caruso!

Continue reading

Posted in General, materiali, Trans | Tagged , | Leave a comment