E’ morto un ragazzo, riprendiamoci la lotta_Sommovimento spontaneo nazio-anale di singolarità e gruppi queer

È vero: omofobia e transfobia sono una piaga sociale.

Ma lo sono in quanto “sintomo” dell’eterosessismo, del razzismo, del fascismo dei corpi e dei desideri che costituiscono i pilastri delle nostre società, dell’ordine culturale e politico prodotto e riprodotto dalle chiese e incarnato dallo stato che ne sorveglia i confini. 

Viviamo in un sistema capitalistico finalizzato alla produzione di ricchezza economica per pochi e alla criminalizzazione di ogni altra forma di ricchezza non commercializzabile, individuale e collettiva, come il dissenso.

Perché il capitalismo riconosce un solo genere di “uomo”: maschio, bianco, etero e as-soggettato alle regole sociali che ne mantengono i privilegi. 

Noi, invece, siamo lesbiche, femministe, froce, trans, nere, clandestine e incazzate. 

Oggi non siamo lacrime né fiaccole, non siamo una generica legge contro l’omofobia perché il sistema deve essere rivoltato, non “curato”. L’unica alternativa che conosciamo è la r-esistenza che nasce dall’alleanza tra soggetti eccentrici, eccedenti, che porta alla condivisione di un percorso comune di lotta e di rivendicazione.

Perché noi siamo quelle non integrate e integrabili e il nostro obiettivo è dis-integrare le politiche fasciste ed escludenti di ogni stato.

Siamo studentesse che vivono nelle macerie della scuola pubblica mai stata laica cercando di immaginarne un’altra; siamo clandestine rinchiuse nei CIE, senza i diritti minimi e fondamentali, colpevoli di aver cercato spazi di libertà; siamo precarie che vogliono scendere in piazza generalizzando lo sciopero ad oltranza; siamo donne senza pillola del giorno dopo, stigmatizzate se scegliamo di abortire ma con contratti in bianco che lottano per affermare un’autentica libertà sessuale; siamo trans che alla patologizzazione rispondono con l’autodeterminazione.

E allora in queste ore scendiamo in piazza oltre la retorica dell’autocommiserazione e fuori dalle strumentalizzazioni.

Siamo ribelli e siamo contro un sistema che ci vuole omologate e standardizzate.

Scendiamo in piazza sia per ricordare A. sia per ricordare che esistiamo tutte e siamo arrabbiate; per dire che le froce rigettano la ripulita immagine gayfriendly di Israele e sono al fianco delle queer palestinesi, che si oppongono alle politiche di austerity della UE e a tutte le politiche di devastazione sociale.

Più determinate che mai a difendere i nostri pantaloni rosa e i nostri dildo, per rivendicare un reddito di esistenza, il nostro diritto allo studio e alla riappropriazione dei saperi, la nostra libertà politica di manifestare.

È morto un ragazzo, riprendiamoci la lotta.

Sommovimento spontaneo nazio-anale di singolarità e gruppi queer

*Cime di Queer, Laboratorio Smaschieramenti, Laboratorio Sguardi Sui Generis, Collettivo Femminista Le Ribellule, Slavina, Figliefemmine, Forum delle donne di Brindisi, QUEERomagna, Collettivo Tabù, Mujeres Libres, AteneinRivolta, Lab Autoformazione, Fuoricampo Lesbian Group, FuxiaBlock – RealityShock Padova, Collettivo FuoriGenere, Collettivo VengoPrima, Sara Manfredi, Federico Zappino, Alessandra Senettin, Chiara Siani, Libera Voler, Giuseppe Rendina, Gianna Pisicoli, Lilith Primavera, Lorenzo San, Grazia Palumbo, Giovanna Cavatorta, Daria D’Ambrosio, Rachele Borghi, Astrid Checchia, Nicola Pfister, …*

Adesioni di singolarità e gruppi queer in aggiornamento

This entry was posted in documenti, interventi, articoli di smaschieramenti, General and tagged , , . Bookmark the permalink.

1 Response to E’ morto un ragazzo, riprendiamoci la lotta_Sommovimento spontaneo nazio-anale di singolarità e gruppi queer

  1. MARINELLA BORGHI says:

    IO SONO DONNA , INTEGRATA E APPOGGIO AL 100% LE VOSTRE IDEE.
    ABBASSO LA CLANDESTINITA’ , EVVIVA VOI ALLA LUCE DEL SOLE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *