Ven 22 giu ’18 – Aperitivo in sostegno della lotta di Precious

Ven 22 giungo, ore 19-23.30 al Barattolo Cafè, via del Borgo di San Pietro 26/a, Bologna
#NoistiamoconPrecious
Aperitivo in sostegno della lotta di Precious.Precious è una donna, una migrante, una giovane madre di 23 anni, che ha affrontato il viaggio dalla Nigeria all’Italia incinta. Dopo aver attraversato la Libia e il mare, si trova a lottare di nuovo contro quelle che in teoria dovrebbero essere le strutture dell’accoglienza e che invece diventano per le e i migranti un labirinto di scadenze non rispettate, di attese e di silenzi, di soprusi e diritti negati.Precious non c’è stata, non si è piegata, ha richiesto a gran voce che le si desse quanto le spettava, a lei e a suo figlio di un anno e mezzo, dopo aver lottato anche contro un marito violento, poi allontanato e poi rimpatriato, volontariamente, in Nigeria. Non ha fatto niente di rivoluzionario se non pretendere l’applicazione della legge, ma oggi, il fatto che una donna nera possa dire che cosa è o non è suo diritto è di fatto rivoluzionario.La cooperativa Caleidos di Modena, principale affidataria degli appalti prefettizi delle misure di accoglienza di cui anche Precious e suo figlio sono destinatari, non ha provveduto ad attivare le pratiche per la residenza, cui aveva pienamente diritto in quanto richiedente asilo ed è inoltre fondamentale per iscrivere suo figlio all’asilo e ai servizi per l’infanzia garantiti dal Comune. Spesso, poi, Caleidos è stata lenta o negligente nell’erogazione del pocket money e del food money, ritardo ancora più grave vista la presenza del minore. La cooperativa ha tentato di mettere a tacere le rivendicazioni e le proteste di Precious che, di fronte all’ennesimo muro, ha alzato la voce e si è ribellata. La risposta, degna di una cooperativa che si occupa soprattutto di tenere i migranti al loro posto, è stata di mettersi a filmarla con un cellulare, facendola esasperare ancora di più, e di convocare anche le forze dell’ordine, per far fronte ad una donna che rivendicava i suoi diritti brandendo un pericoloso pennarello e che perciò è stata querelata per minacce e percosse e denunciata per resistenza a Pubblico Ufficiale. Dietro a questi due atti si nasconde, ancora una volta e ormai nemmeno troppo bene, il volto della violenza e del razzismo istituzionali. La querela, fatta dal coordinatore del progetto di Caleidos, è un abuso di potere fatto con le armi della legge che ha quindi esso stesso il sapore di una minaccia e di una violenza.

Le conseguenze di questi atti sono la messa in moto della macchina repressiva nei confronti di Precious attraverso processi penali e procedimenti amministrativi, le cui ripercussioni possono essere pesantissime per lei e per suo figlio.

Tutto questo perché una donna, una migrante, ha scelto di infrangere quei muri che ogni giorno ostacolano la sua libertà e la sua vita, la possibilità di costruire il proprio futuro autonomamente. Precious non può essere lasciata sola perché questa lotta e la forza con cui ha scelto di intraprenderla non è solo sua, è quella di tutte e tutti i noi, delle migranti che sfidano quotidianamente il razzismo istituzionale e democratico dell’Europa e dei suoi Stati. È la forza delle migliaia di donne scese in piazza l’8 marzo in tutto il mondo contro questo razzismo e la violenza patriarcale a cui si lega. Noi stiamo dalla parte di Precious e di tutte le donne migranti per fare di questa forza una potenza collettiva.

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *